informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere un racconto breve: la guida completa

Commenti disabilitati su Come scrivere un racconto breve: la guida completa Corsi di Laurea

Hai bisogno di una guida su come scrivere un racconto breve?

Bene, allora sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, ti forniremo tanti trucchi e consigli utili per diventare un narratore coi fiocchi. Cercando di darti i giusti spunti per scrivereuna storia come si deve.

Perché non basta genericamente essere in grado di scrivere o sapere come fare un tema, in quanto la struttura di un libro o i modi di scrittura di una storia cambiano a seconda del taglio narrativo che intendi dare. Dai racconti brevi ai romanzi, da un testo argomentativo ai testi narrativi inventati, da un tema comico a un tema su un personaggio storico, fino a un libro sulla seconda guerra mondiale.

E poi, ovviamente, un conto è scrivere un racconto fantastico, un altro è ad esempio un racconto d’avventura.

A questo punto, avendo già messo parecchia carne al fuoco, cerchiamo di mettere ordine e di chiarirti meglio le idee. In modo che tu possa davvero comprendere fino in fondo come scrivere un racconto breve.

Cosa sono i racconti brevi e come si scrivono

Il racconto altro non è che un tipo di narrazione in prosa. Il suo contenuto può essere sia di genere realistico che fantastico. Inoltre può essere anche biografico o autobiografico. Si definisce “breve” perché è di minore estensione rispetto ad un romanzo, anche se più ampio di una novella. Generalmente chi scrive racconti brevi ne prevede una serie. Seppur ognuno di essi rappresenti una storia completa, finiscono dunque per essere collegati fra loro all’interno di una collana. Ma andiamo adesso a vedere come scrivere racconto breve dal punto di vista tecnico e stilistico.

Come si scrive un racconto in 10 mosse

Fatte queste premesse, passiamo al dunque: come scrivere un racconto breve?

  1. Inventa una storia e scrivila di getto. Lasciati ispirare strada facendo, mentre butti giù l’idea che hai in testa. La passione e l’impeto stilistico possono fare la differenza;
  2. Rileggi tutta la storia che hai scritto, così com’è, dall’inizio alla fine. Valutala se ti piace, se rispecchia ciò che volevi raccontare e che ogni personaggio sia al posto giusto. In particolare se il protagonista riflette le qualità che deve avere: se è chiaramente individuabile, se indirizza la storia, se è in grado di dare un significato o una morale a tutta la trama;
  3. Scrivi un riassunto della storia in poche righe. Questo ti aiuta a verificare se possiede una linea logica. Ovvero se, oltre al personaggio principale, è possibile individuare gli eventi chiave, un antagonista e il messaggio finale. Se tutto ciò è presente, stai facendo un ottimo lavoro;
  4. Fatto ciò decidi se andare avanti oppure se vale la pena di scartare la bozza;
  5. Se decidi di proseguire, dai un incipit incisivo alla storia. Le prime righe sono fondamentali per catturare l’attenzione del lettore e invogliarlo a proseguire la lettura;
  6. Suddividi il racconto in un elenco di scene utili a mappare la storia. Questo ti faciliterà nell’organizzarla e strutturarla in maniera efficace;
  7. Adesso fai pure delle ricerche se necessario, per curare i particolari della storia. Non farlo prima perché potrebbe inibire la tua creatività;
  8. Leggi il tutto, correggi eventuali falle nella trama e concediti qualche giorno di riflessione;
  9. Rileggi nuovamente e personalizza ancora di più il testo se necessario. Fallo finché non ti senti sicuro;
  10. Il tuo racconto è pronto. Invialo ad una casa editrice, un giornale, un concorso letterario. Insomma: condividilo con chi possa apprezzarlo.

Idee per scrivere un racconto

Abbiamo visto che prassi e struttura utilizzare per capire come scrivere un racconto breve. Ma se proprio non riesci a sbloccarti, ci sono alcune “frasi fatte” da cui poter partire e trarre ispirazione. Vediamone alcune.

  1. Spesso per introdurre un racconto, specialmente se ti interessa come scrivere una storia per bambini, si prende in prestito la formula “C’era una volta…”. Paroline magiche, utilizzate esattamente così oppure reinterpretate o adattate al caso specifico, che inducono subito una certa curiosità al lettore, voglioso di capire cosa, dove, quando e perché sia successo ciò che stai per raccontargli;
  2. Rotto il ghiaccio, introdotti luoghi e personaggi della tua storia, se vuoi dare una sterzata al racconto, può venirti in soccorso un’altra formula magica: “finché un giorno…”. Il modo migliore per arrivare al colpo di scena che delinea o cambia il corso della narrazione;
  3. A questo punto, frasi del tipo “fino a quando…” o “a causa di ciò…” possono essere funzionali ad indicare cosa, quando e perché il protagonista fa per raggiungere il suo o i suoi obiettivi attorno ai quali si sviluppa la storia;
  4. Una volta raggiunti tali obiettivi, un bel “fino a quando…” o “da quel giorno…” possono essere utilissime per collegarti al raggiungimento degli obietti o alla conclusione della storia;
  5. Quale miglior finale, se opportuno, del classico “…e vissero tutti felici e contenti”. Anche se, ovviamente, si tratta di una conclusione più da fiaba o racconto fantastico a lieto fine, può essere reinterpretato e contestualizzato rispetto al tuo tipo di racconto breve.

Questi sono solo dei classici spunti per racconti, il resto sta alla tua creatività o alla tua capacità di riadattarli a seconda delle tue esigenze. Anche quelli sono fondamentali come scrivere un racconto breve.

Il racconto breve nella storia: le opere più importanti

racconti breviCome scrivere un racconto breve se non se ne sono letti abbastanza? Ecco perché, per tale eventualità, prima di concludere questa guida Unicusano e per renderla davvero completa, abbiamo pensato di segnalarti alcuni tra i più importanti testi del genere che hanno segnato la storia.

Dagli albori della raccolta anonima de Il Novellino, risalente agli anni 1281-1300, alla piena affermazione attraverso il Decameron di Giovanni Boccaccio, datata 1350-1353 e punto di riferimento almeno fino al Rinascimento. Egli introduce anche la forma della cosiddetta “narrazione a cornice”, in cui ogni singolo racconto fa parte di uno più ampio che li contiene e li lega insieme tutti. Una metodologia simile ai racconti orientali Le mille una notte, ma più strettamente legata a vicende contemporanee e realistiche dell’epoca.

A seguire troviamo i racconti Canterbury Tales di Geoffrey Chaucer (1386-1387), Il Trecentonovelle di Franco Sacchetti (1399), Heptaméron di Marguerite de Navarre (1540-1549), le Novelas ejemplares di Miguel de Cervantes (1613).

Dopo il successo delle novelle rinascimentali, però, la narrazione breve vive un periodo poco fortunato durante il periodo barocco. Essa torna di moda nel Settecento, sotto forma di favole morali, apologhi, racconti filosofici o fiabe argute come quelle di Gasparo Gozzi. Ma è nell’Ottocento che registra il suo pieno sviluppo.

In questo periodo gli autori più significativi sono Ernst Theodor Amadeus Hoffmann,  Edgar Allan Poe, Guy de Maupassant e Anton Čechov.

Tra Ottocento e Novecento, il racconto breve (in inglese short stories), apprezzato soprattutto per essenzialità, densità e unicità, si diffonde anche in Stati Uniti, Russia, America Latina. Proprio in questo momento storico tende a sostituire sempre di più la novella, anche a livello di terminologia.

Nello stesso periodo trova terreno fertile in Italia. Grazie, tra gli altri, a scrittori di spessore come Verga, Pirandello, Deledda, D’Annunzio, Svevo, Primo Levi, Moravia, Calvino e altri.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali