informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I 6 filosofi più influenti della storia

Commenti disabilitati su I 6 filosofi più influenti della storia Studiare a Firenze

Come disciplina, la filosofia ha una storia ricca e variegata dai tempi dell’antica Grecia fino ai giorni nostri. I filosofi più influenti della storia sono responsabili delle idee più influenti nella storia. Questi sono i pensatori che hanno formulato quelle nozioni che ancora oggi influenzano la nostra comprensione della condizione umana: nozioni rivoluzionarie, illuminanti, ingegnose (e spesso smentite) su ragionamento, realtà, spiritualità, coscienza, sogni, organizzazione sociale, comportamento umano, logica e anche l’amore.

Diamo un’occhiata ai sei filosofi più influenti della storia prima e dopo Cristo e vediamo perché le loro idee erano così rivoluzionarie.

Aristotele

Aristotele è tra i pensatori e gli insegnanti più importanti e influenti della storia umana, spesso considerato – insieme al suo mentore, Platone – il padre della filosofia occidentale”. Nato nella parte settentrionale dell’antica Grecia, i suoi scritti e le sue idee sulla metafisica, l’etica, la conoscenza e l’indagine metodologica sono alla radice del pensiero umano.

Aristotele si distinse anche come scienziato, il che lo ha portato a considerare un’enorme gamma di argomenti, in gran parte attraverso l’idea che tutti i concetti e la conoscenza si basano in ultima analisi sulla percezione. Un piccolo campione di tematiche trattate negli scritti di Aristotele include fisica, biologia, psicologia, linguistica, logica, etica, retorica, politica, governo, musica, teatro, poesia e metafisica.

Il filosofo anche in una posizione privilegiata per influenzare il pensiero del mondo conosciuto, istruendo un giovane Alessandro Magno su richiesta del futuro padre del conquistatore, Filippo II di Macedonia. Questa influenza diede ad Aristotele i mezzi per istituire la biblioteca al Lyceum, dove produsse centinaia di scritti su rotoli di papiro. Ed ovviamente, plasmò direttamente la mente di un uomo che un giorno avrebbe comandato un impero che si estendeva dalla Grecia all’India nordoccidentale.

Platone

Al filosofo e insegnante greco Platone va il merito di aver fondato la prima istituzione di istruzione superiore nel mondo occidentale, l’Accademia di Atene, dove avrebbe consolidato il proprio status di figura più importante nello sviluppo della tradizione filosofica occidentale. Come allievo di Socrate e mentore di Aristotele, Platone è la figura di collegamento in quello che potrebbe essere definito il grande triumvirato del pensiero greco sia in filosofia che in scienza.

In effetti, si potrebbe sostenere che Platone abbia fondato la filosofia politica, introducendo sia la forma dialettica che quella dialogica della scrittura come modi per esplorare varie aree del pensiero. Spesso, nei suoi dialoghi, usava il suo mentore Socrate come veicolo per i suoi pensieri e le sue idee. Sebbene non sia stato il primo filosofo della storia, fu forse il primo a definire veramente cosa significasse, per articolare il suo scopo e per rivelare come potrebbe essere applicata con rigore scientifico. Questo orientamento ha fornito una nuova struttura concreta per considerare questioni di etica, politica, conoscenza e teologia.

Confucio

Ampiamente considerato uno degli studiosi più importanti e influenti nella storia umana, gli insegnamenti e la filosofia di Confucio hanno costituito la base della cultura e della società dell’Asia orientale e continuano a rimanere influenti in tutta la Cina e l’Asia orientale ancora oggi. I suoi insegnamenti, conservati nei Dialoghi, si concentravano sulla creazione di modelli etici di interazione familiare e pubblica e sulla definizione di standard educativi. Sebbene il confucianesimo non sia una religione organizzata, stabilisce delle regole per pensare e vivere che si concentrano sull’amore per l’umanità, il culto degli antenati, il rispetto per gli anziani, l’autodisciplina e la conformità ai rituali.

La filosofia sociale di Confucio si basava principalmente sul principio di “ren” o “amare gli altri” durante l’esercizio dell’autodisciplina. Credeva che il ren potesse essere messo in atto usando la regola d’oro: “Ciò che non desideri per te stesso, non farlo agli altri”. Anche le convinzioni politiche di Confucio erano basate sul concetto di autodisciplina. Credeva che un leader avesse bisogno di esercitare l’autodisciplina per rimanere umile e trattare i suoi seguaci con compassione.

Nel II secolo a.C., durante la prima dinastia Han in Cina, le sue idee divennero il fondamento dell’ideologia di stato. Oggi Confucio è ampiamente considerato uno dei pensatori più influenti nella storia cinese.

San Tommaso d’Aquino

Tommaso d’Aquino era un frate domenicano, teologo e dottore della Chiesa del XIII secolo. Il suo contributo più importante al pensiero occidentale è il concetto di teologia naturale (a volte indicato come tomismo in omaggio alla sua influenza). Questo sistema di credenze sostiene che l’esistenza di Dio è verificata attraverso la ragione e la spiegazione razionale, al contrario che attraverso le scritture o l’esperienza religiosa. Questo approccio ontologico è tra le premesse centrali alla base della moderna filosofia e liturgia cattolica.

Focalizzò gran parte del suo lavoro sulla riconciliazione dei principi aristotelici e cristiani, ma espresse anche un’apertura dottrinale ai filosofi ebrei e romani, il tutto al fine di divinare la verità ovunque potesse essere trovata. I suoi scritti, e lo stesso Tommaso d’Aquino, sono ancora considerati tra i modelli preminenti per il sacerdozio cattolico. Le sue idee rimangono anche al centro del dibattito teologico, del discorso e delle modalità di culto.

Immanuel Kant

Nato in Prussia (e quindi identificato come filosofo tedesco), Kant è considerato tra le figure più essenziali della filosofia moderna, un sostenitore della ragione come fonte della morale e un pensatore le cui idee continuano a permeare il dibattito etico, epistemologico e politico. Ciò che forse più contraddistingue Kant è il suo desiderio innato di trovare una sintesi tra razionalisti come Cartesio ed empiristi come Hume, per decifrare una via di mezzo che rinvia all’esperienza umana senza scendere nello scetticismo.

Merito di Kant è quello di aver definito  l’“imperativo categorico”, l’idea che ci siano idee intrinsecamente buone e morali verso le quali tutti abbiamo un dovere, e che gli individui razionali troveranno intrinsecamente ragione nell’aderire all’obbligo morale. Sostenne anche che l’umanità può raggiungere una pace perpetua attraverso la democrazia universale e la cooperazione internazionale.

Ha affermato che i concetti di tempo e spazio, nonché di causa ed effetto, sono essenziali per l’esperienza umana e che la nostra comprensione del mondo è trasmessa solo dai nostri sensi e non necessariamente dalle cause sottostanti (e probabilmente invisibili) del fenomeni che osserviamo.

Friedrich Nietzsche

Friedrich Nietzsche è stato un poeta, critico culturale e filosofo, nonché possessore di una delle menti più dotate della storia umana. Il sistema di idee del pensatore tedesco avrebbe avuto un profondo impatto sul mondo occidentale, contribuendo profondamente al discorso intellettuale sia durante che dopo la sua vita. Scrivendo su un’enorme ampiezza di argomenti, dalla storia, la religione e la scienza all’arte, la cultura e le tragedie dell’antichità greca e romana, Nietzsche scrisse con arguzia selvaggia e amore per l’ironia.

Con queste caratteristiche scrisse analisi decostruttive della verità, della morale cristiana e dell’impatto dei costrutti sociali sulla nostra formulazione dei valori morali. Essenziale per la scrittura di Nietzsche è anche l’articolazione della crisi del nichilismo, l’idea di base che tutte le cose mancano di significato, compresa la vita stessa. Inoltre, credeva nella capacità creativa dell’individuo di resistere alle norme sociali e alle convenzioni culturali per vivere secondo un insieme più ampio di virtù.

Credits: [Anastasios71]/DepositPhotos.com

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali