informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Vacanze in montagna in autunno: 5 mete da considerare

Commenti disabilitati su Vacanze in montagna in autunno: 5 mete da considerare Studiare a Firenze

Specialmente in questo periodo dell’anno, quando i mutevoli colori autunnali iniziano ad assumere tonalità ambrate, la voglia di immergersi nella natura è più forte che mai.

L’autunno è uno dei periodi migliori dell’anno per tornare in alta quota, soprattutto se ti piacciono le escursioni: il clima è fresco, ma non gelido; non c’è ancora neve e ghiaccio sul terreno, cosa che può rendere complicati i trekking ai meno esperti. E, naturalmente, lo scenario autunnale in Technicolor è semplicemente imbattibile. 

Quindi, se hai sentito il canto delle sirene provenire dalle vette, prendi nota dei seguenti spunti per programmare le prossime uscite autunnali. 

Dolomiti

Per avere un’idea di questa meraviglia della natura, basti pensare che circa il 95% del suo territorio è tutelato dall’UNESCO in qualità di patrimonio dell’umanità. I 142.ooo ettari che formano il bene UNESCO costituiscono una sorta di arcipelago, distribuito su un’area alpina molto più vasta e suddiviso in cinque province e tre regioni (Veneto, Trentino e Friuli). Il momento migliore per visitare le Dolomiti va da maggio a ottobre: l’autunno, in particolare rappresenta la combinazione perfetta tra clima mite e soleggiato e scarsa presenza turistica, per non parlare dei paesaggi infuocati dal foliage autunnale.

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Dislocato sugli Appennini centrali, tra Marche e Umbria, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini è caratterizzato da oltre venti vette che superano i duemila metri di quota. Su tutte spicca il Monte Vettore, di 2.476 metri d’altezza, secondo nel centro Italia solo al Gran Sasso. Questo territorio leggendario, rimato nel Medioevo soprattutto per la presenza della mitica maga Sibilla, spicca per una sentieristica ricca e variegata: in autunno è possibile esplorare questi percorsi a piedi, in bicicletta o in moto.

Val Gardena

Questa deliziosa valle alpina altoatesina, interamente circondata dalle Dolomiti, è il posto perfetto per staccare la spina, godersi la natura e ricaricare le batterie. Cime frastagliate si susseguono a blocchi di roccia che adornano la Val Gardena in tutta la sua estensione. Tutt’intorno, fitti boschi di conifere che ricoprono i pendii fino alle vette. La vallata si innalza da Ponte Gardena (471 m) e si distende tra i 1200 ed i 1700 metri di altitudine, fino al Gruppo del Sella, con il Passo Sella e Passo Gardena, che segnano da confine con le altre vallate ladine. Passeggiate facili si alternano a ferrate e trekking in alta montagna, offrendo un mondo di possibilità a scalatori ed escursionisti.

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Il parco per eccellenza simbolo dell’Abruzzo è uno dei più estesi d’Italia, nonché quello con la biodiversità tra le più ricche d’Europa. Più di venti vette superano i 2.000 metri di altitudine: su tutte il Gran Sasso, che con i suoi 2.914 metri è il monte più alto del centro Italia. Campo Imperatore è senz’altro tra le destinazioni più rinomate, ma sono tantissimi i sentieri praticabili in tutte le stagioni che attraversano il paesaggio montuoso del parco, caratterizzato da una sorprendente ricchezza dal punto di vista sia floreale che faunistico. Visitarlo in autunno permette di apprezzare le calde sfumature di colore delle sue foreste, che creano dei contasti estremamente suggestivi.

Parco Nazionale Gran Paradiso

Suddiviso tra Valle d’Aosta e Piemonte, il parco del Gran Paradiso si estende per oltre 500 km di sentieri, differenziati per difficoltà e stagione. È il più antico parco d’Italia: la sua istituzione si fa risalire al 1922, prima di allora era la riserva di caccia dei Savoia. Ancora oggi, il simbolo del parco resta lo stambecco, che già Vittorio Emanuele II aveva cercato di tutelare dall’estinzione che in quegli anni aveva ridotto la sua popolazione a livelli allarmanti. Cinque vallate si alternano in uno scenario dal classico fascino alpino, con ghiaccia, rocce, boschi di larici ed abeti. L’autunno è la stagione ideale per godere di questo parco prima dell’arrivo delle nevi.

Parco Nazionale del Pollino

Con oltre 200.000 ettari, il Parco Nazionale del Pollino è l’area protetta più grande d’Italia. A cavallo tra Calabria e Basilicata, dal 1993 ospita e tutela sotto il suo simbolo, il pino loricato. Qui si trovano le vette più alte del sud Italia, innevate in molti mesi dell’anno. La cima più elevata, Serra Dolcedorme, supera i 2.200 metri d’altezza. Nelle giornate particolarmente limpide, dalle sue cime è possibile scorgere ad ovest le coste tirreniche di Maratea, di Praia a Mare, di Belvedere Marittimo e ad est il litorale ionico da Sibari a Metaponto.

Credits Immagine: Depositphotos/kamchatka

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali