informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è una start up: ecco tutto quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Cos’è una start up: ecco tutto quello che devi sapere Studiare a Firenze

Stai cercando informazioni su cos’è una start up?

Magari perché vorresti aprirne una, oppure perché ti hanno contattato per un colloquio di lavoro.

Qualsiasi sia il motivo, non preoccuparti. Perché ti trovi nel posto giusto.

In questo articolo, infatti, ti racconteremo per filo e per segno cosa significa start up e come costituirne una.

Chiarendoti anche quali sono le caratteristiche necessarie per essere considerata una startup innovativa.

Sei pronto ad intraprendere con noi questo viaggio nel mondo degli startupper?

Allora rompiamo gli indugi e salpiamo subito.

Cosa sono le startup: significato e requisiti

Come abbiamo già accennato, in questo articolo ti parleremo di start-up a 360 gradi. Dalla definizione “storica” a quella relativa ai progetti più innovativi. Fornendoti esempi di start up davvero interessanti. Senza dimentica quali sono gli studi utili ad avere successo in questo ambito. Ovvero quelli che ti permettono di analizzare e comprendere il mercato. E, di conseguenza, come creare una start up di successo. Buona lettura.

Start up: significato e aspetti principali

Basta cercare la definizione di start up su Wikipedia per scoprire che con questo termine si usa identificare un’impresa di nuova costituzione presentabile in due tipologie:

  1. Sotto forma di organizzazione temporanea;
  2. Come società di capitali in cerca di un model business scalabile e ripetibile.

startup innovativaIn altre parole stiamo parlando di un’impresa ancora giovane e con poco capitale. Ma la peculiarità che la contraddistingue è quella di essere orientata allo sviluppo di progetti innovativi.

Essa, cosa molto interessante, gode di agevolazioni burocratiche e allegerimenti fiscali considerevoli. Proprio per l’importanza strategica che può rivestire.

Ma basta questo a farti comprendere appieno cos’è una start up? Probabilmente non ancora. Allora andiamo avanti con informazioni più precise e dettagliate.

A questo punto potrebbe esserti utile sapere che queste imprese vengono spesso gestite attraverso un approccio chiamato Lean Startup.

Si tratta di un processo che segue uno schema di ideazione, verifica e modifica continui. Il suo scopo è quello di ottimizzare profittabilità, tempi e costi. Indirizzando un percorso di business sostenibile e abbattendo le possibilità di fallimento del progetto.

Ciò non significa che questo sia l’unico o il migliore metodo da seguire, ma certamente è uno dei più utilizzati.

Startup innovative: requisiti formali

Lo status delle startup innovative è regolamentato attraverso gli articoli 25 e 32 del  D.l. n. 179 del 2012. Noto anche come decreto legge crescita 2.0. Ed è proprio qui che possimo trovare la risposta definitiva alla nostra domanda di partenza. Ovvero: cos’è una start up?

Questi articoli ci dicono, innanzitutto, che un’impresa può definirsi start-up innovativa solamente se si tratta di società:

  1. di capitali;
  2. per azioni;
  3. a responsabilità limitata;
  4. in accomandita per azioni;
  5. cooperativa.

Le cui azioni non siano quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione.

Inoltre, alla startup è richiesta l’iscrizione ad una sezione speciale del Registro delle imprese.

Tutte informazioni che già ci aiuta a capire meglio le start up innovative cosa sono. Ma siamo ancora nel campo dei pre-requisiti.

Passando alle prerogative vere e proprie, il decreto crescita 2.0 riconosce a tutti gli effetti come startup, l’impresa che possiede i seguenti requisiti:

  • è costituita da non più di sessanta mesi;
  • è residente in Italia ai sensi dell’articolo 73 del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, o in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo, purché abbia una sede produttiva o una filiale in Italia;
  • a partire dal secondo anno di attività della start-up innovativa, il totale del valore della produzione annua, così come risultante dall’ultimo bilancio approvato entro sei mesi dalla chiusura dell’ esercizio, non è superiore a 5 milioni di euro;
  • non distribuisce, e non ha distribuito, utili;
  • ha, quale oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;
  • non è stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda.

Start up: requisiti sostanziali, incubatori e accelleratori

Ma non è ancora tutto.

Infatti, per capire cos’è una start up innovativa abbiamo ancora qualche passo da fare.

Per essere definita e trattata come tale, essa ha l’obbligo di possiede almeno uno di questi ulteriori requisiti:

  1. Le spese in ricerca e sviluppo devono essere uguali o superiori al 15% del maggior valore fra costo della produzione e valore della produzione;
  2. Impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in misura uguale o superiore ad un terzo della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di un titolo di dottorato di ricerca o in corso di svolgimento. Oppure in possesso di laurea, che abbia svolto da almeno tre anni attività di ricerca certificata, o laurea magistrale;
  3. Sia titolare o depositaria di una privativa industriale.

Inoltre, se hai un minimo di conoscenza del settore o lo stai studiando, avrai certamente sentito parlare di incubatori e accelleratori startup.

Il primo è il luogo fisico in cui le startup vengono ospitate. Mentre l’accelleratore è un programma di sviluppo che mira a rendere le imprese start up autonome.

Come avviare una startup: 5 domande da cui partire

Prima di dare vita ad un’impresa simile ti suggeriamo di prendere in considerazione alcuni fattori.

Iniziando ponendoti le seguenti domande:

  1. Il tuo modello di startup bunisess è abbastanza innovativo da poter avere successo?;
  2. È il momento giusto per lanciare la tua idea? Il tempo è fondamentale. Anche le intuizioni più geniali possono fallire se nate troppo prematuramente o in ritardo;
  3. Qual è il tuo target di riferimento? Abbilo chiaro e studialo fin dall’inizio;
  4. Hai accanto a te un buon team? Fatto di persone cin grado di risolvere i problemi, che sanno cos’è una start up e che sono pronte a calarsi nella parte?
  5. Come pensi di finanziarti?

Su quest’ultimo punto potresti avere diverse soluzioni. Te ne suggeriamo qualcuna:

  1. Autofinanziamento;
  2. Attraverso amici o familiari pronti a fare da sostenitori;
  3. Business angels, ovvero manager o imprenditori a cui piace dare un contributo ad un progetto reputato strategico o interessante;
  4. Venture Capitalist, figure pronte a sostenerti in cambio, magari, di ritorni elevati o quote societarie;
  5. Campagne di Crowdfunding;
  6. Finanziamenti pubblici, bandi, premi e concorsi;
  7. Incubatori e Accelleratori.

E poi non devono mancare le fonti di ispirazione.

A tal proposito, vuoi conoscere i nomi di alcuni colossi imprenditoriali, nate come startup?

Gli esempi classici e di successo sono ad esempio WhatsApp, AirBnB, BlaBlaCar, Spotify o Zalando.

Cosa studiare per diventare un grande startupper

startup innovative requisitiDiventare uno startupper è una cosa seria. Non basta sapere cos’è una start up.

Serve una visione strategica. Un approccio illuminato e concreto, che può scaturire solo dallo studio del settore e del mercato.

Per questo Unicusano ha pensato di istituire il master in Start-up d’impresa. Un corso dall’alta qualità formativa e dalla flessibilità unica. Grazie al profilo di assoluto valore che contraddistingue i docenti e gli esperti del settore che tengono il corso e all’erogazione dello stesso attraverso il sistema dell’e-learning.

Perché utilizzare sistemi così innovati è già fonte di ispirazione per chi vuole cimentarsi in questo settore.

Avere la possibilità di seguire il master online significa poter vedere le lezioni quando vuoi e da dove vuoi. In modo da poter ottimizzare il tuo tempo (altra caratteristica fondamentale per far vivere una startup) e lasciarti la possibilità di continuare a lavorare e studiare contemporaneamente.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali