informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Decreto Minniti: le novità sulla sicurezza urbana

Commenti disabilitati su Decreto Minniti: le novità sulla sicurezza urbana Studiare a Firenze

Approvato dalla Camera il 12 aprile 2017, il decreto Minniti-Orlando regola i flussi immigratori stabilendo precise norme in materia di sicurezza pubblica e immigrazione.

Il decreto, che porta il nome dell’allora ministro dell’interno Marco Minniti e del ministro della giustizia Andrea Orlando, prevede severe misure per il contrasto dell’immigrazione clandestina e per il rafforzamento dei procedimenti in materia di protezione internazionale.

I due provvedimenti non hanno mancato di suscitare aspre critiche, specie da parte della sinistra e delle molte associazioni e ONLUS attive nel settore umanitario, che accusano le disposizioni di incostituzionalità e violazione dei diritti dell’uomo.

Cosa prevede il decreto sicurezza

A finire nell’occhio del ciclone è stato soprattutto il cosiddetto “DASPO urbano” introdotto dal decreto sicurezza. Questa misura si rifà al DASPO adottato in Italia a partire dal 1989 per contrastare la violenza negli stadi ma, a partire dal decreto Minniti, la sua applicazione verrà estesa ad altri campi.

Questa legge stabilisce conferisce al sindaco la possibilità di multare e vietare l’accesso ad alcune aree della città a chiunque «ponga in essere condotte che limitano la libera accessibilità e fruizione» di infrastrutture di trasporto (strade, ferrovie e aeroporto). C’è inoltre la possibilità di arresto in “flagranza differita” in caso di reati commessi durante manifestazioni pubbliche riprese da telecamere.

Il decreto sicurezza Minniti-Orlando prevede anche un “mini-DASPO” per gli spacciatori, che delimita l’accesso ai locali pubblici a persone condannate per spaccio dentro o vicino quei locali. Allo stesso modo, il decreto sicurezza può essere applicato anche sui parcheggiatori abusivi, con multe dai 1.000 ai 3.500 euro, che possono raddoppiare nel caso di coinvolgimento di minori.

Sarà il decreto sicurezza approvato nel settembre 2018, fortemente promosso da Salvini, ad estenderne ulteriormente l’applicazione del DASPO urbano ai «presidi sanitari, alle zone di particolare interesse turistico, alle aree destinate allo svolgimento di fiere, mercati e pubblici spettacoli». La misura riguarda anche le persone indiziate per reati di terrorismo.

L’obiettivo di queste norme è quello di riqualificare e recuperare aree e siti più degradati, promuovendo la legalità e prevenendo atti criminali in particolare di tipo predatorio.

Cosa prevede il decreto migranti

La gestione dell’immigrazione è stato un altro punto cardine del decreto Minniti-Orlando, che sancisce la creazione di circa 20 nuovi centri per l’espulsione degli stranieri irregolari (i Centri permanenti per il rimpatrio, CPR). Ne consegue una triplicazione della capienza (1.600 posti letto), forte di un finanziamento europeo di 19 milioni di euro l’anno. Lo scopo è quello di accelerare numero e frequenza dei rimpatri.

Il contrasto all’immigrazione illegale viene attuato anche a livello digitale, attraverso un Sistema Informativo Automatizzato (Sia) monitorato dal dipartimento della Pubblica sicurezza del ministero, ed interconnesso con altri sistemi informatici tra i quali il Sistema informativo Schengen.

Il decreto stabilisce anche una serie di procedure per accelerare i tempi di esame delle richieste di asilo politico ma prevede anche il rito abbreviato nei giudizi sui provvedimenti di espulsione di cittadini stranieri per motivi di ordine pubblico e sicurezza dello Stato e per motivi di prevenzione del terrorismo.

Viene cancellato il cosiddetto “terzo grado”, cioè la possibilità per i richiedenti asilo di rivolgersi alla Corte d’Appello se la loro richiesta viene respinta prima dalla Commissione territoriale e poi dal giudice ordinario.

Il testo del decreto ha poi subito ulteriori modifiche con Salvini. Oltre all’estensione del DASPO urbano, il decreto sicurezza approvato nel settembre 2018 stabilisce:

  • Riforma della cittadinanza. È una norma che prevede regole ancora più stringenti per chi vuole ottenere la cittadinanza italiana. La domanda, in questo caso, può essere rifiutata anche se è stata presentata da chi ha sposato un cittadino o una cittadina italiana, cosa che non poteva avvenire in precedenza. Il decreto prevede anche la revoca, oltre alla negazione, della cittadinanza per chi viene condannato in via definitiva per reati legati al terrorismo.
  • Revoca della richiesta di asilo. Si applica su un elenco di reati ancora più lungo, tra cui violenza sessuale, lesioni aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale.
  • Abolizione della protezione umanitaria. Questa forma di protezione sarà sostituita da un permesso di soggiorno della durata di un anno della durata di due anni, che però può essere perso qualora la persona faccia ritorno al paese d’origine.
  • Raddoppio del trattenimento. Nei Centri per il rimpatrio (i vecchi CIE) gli stranieri in attesa di espulsione potranno essere trattenuti fino a 60 giorni, prorogabili per altri 30. Vengono inoltre stanziati più fondi per i rimpatri.

Ne consegue che le figure professionali che operano nell’ambito della sicurezza siano sempre più richieste. Il Master I Livello in Security e Safety in materia di sicurezza urbana approfondisce proprio la normativa introdotta dal Decreto Minniti e dalla Circolare del Ministero dell’Interno del 18 luglio 2018.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali