informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Gestione impianti sportivi: normative e linee guida

Commenti disabilitati su Gestione impianti sportivi: normative e linee guida Studiare a Firenze

Sei alla ricerca di informazioni sulla gestione impianti sportivi?

Allora stai leggendo l’articolo giusto. In questa guida, infatti, cercheremo di mettere ordine e fare chiarezza tra come fare una relazione tecnica, concessione di servizi, legislazione degli adempimenti, codice CPV, sviluppo del territorio attraverso eventi o gestione centro sportivo, campi, palestre, aree fitness, piscine aperte al pubblico o private e messa in sicurezza di esse.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito.

Affidamento gestione impianti pubblici e privati: cosa devi sapere

Naturalmente un conto è la gestione impianti sportivi privati e un altro di quelli pubblici. Nei prossimi paragrafi andremo a capire perché e a conoscere quali sono le normative di riferimento e le linee guida che disciplinano questa materia. Buona lettura.

Forme di gestione

Generalmente la gestione impianti sportivi, può essere di tre tipi:

  1. Pubblica. Attraverso l’impiego di risorse finanziarie e con personale pubblico. In maniera diretta o con un Consorzio pubblico, con aziende municipalizzate o società giuridica a partecipazione pubblica;
  2. Privata. In maniera diretta;
  3. Convenzionata. Con l’associazionismo di base.

Per quanto riguarda gli appalti pubblici, un primo riferimento normativo è certamente quello del codice europeo CPV appalti. Ovvero il Vocabolario comune per gli appalti pubblici, al quale si ispirano gli appalti pubblici nell’Unione Europea al fine di garantire la trasparenza e l’efficienza degli appalti stessi.

Nella guida CPV della Commissione Europea si legge:

«Il CPV mira a standardizzare, mediante un unico sistema di classificazione per gli appalti pubblici, i termini utilizzati da amministrazioni aggiudicatrici ed enti aggiudicatori per descrivere l’oggetto dei contratti, offrendo così uno strumento adeguato ai potenziali utenti (le amministrazioni aggiudicatrici e gli enti aggiudicatori, i candidati o gli offerenti nell’ambito di una procedura di aggiudicazione dei contratti)».

Inoltre, si evince dal documento, l’utilizzo di codici standard favorisce l’attuazione delle norme sulla pubblicità e l’accesso all’informazione:

  1. Stimolando la trasparenza negli appalti pubblici;
  2. Favorendo l’individuazione delle opportunità economiche pubblicate nel supplemento alla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea;
  3. Consentendo di realizzare un sistema di informazione per gli appalti pubblici e di ridurre quindi il rischio di errori nel corso della traduzione dei bandi, dal momento che il CPV viene tradotto nelle 22 lingue ufficiali delle Comunità europee;
  4. Semplificando la redazione dei bandi, e in particolare la descrizione dell’oggetto dei contratti, per le amministrazioni aggiudicatrici e gli enti aggiudicatori;
  5. Semplificando l’elaborazione di statistiche sugli appalti pubblici, dal momento che il CPV è compatibile con i meccanismi di controllo delle attività economiche utilizzati in tutto il mondo (in particolare quelli impiegati dalle Nazioni Unite).

Parere Anac impianti sportivi

Anche l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac) si è più volte espressa sul tema della gestione impianti sportivi di proprietà comunale, ribadendo che essi, essendo destinati al soddisfacimento dell’interesse della collettività allo svolgimento delle attività sportive, appartengono al patrimonio indisponibile dell’ente.

Pertanto, come abbiamo già accennato in precedenza, la gestione di tali impianti può essere effettuata all’amministrazione competente in forma diretta oppure indiretta. L’affidamento a terzi soggetti, però, deve avvenire mediante procedura selettiva.

Inoltre, a seguito del d.lgs. 50/2016, viene fatta una distinzione tra impianti con rilevanza economica (la cui gestione è remunerativa) ed impianti privi di rilevanza economica. L’affidamento della gestione di impianti sportivi con rilevanza economica, qualificabile quale “concessione di servizi”, è regolata dall’articolo 164 e seguenti dello stesso disegno di legge, con applicazione delle parti I e II. Mentre la gestione degli impianti sportivi privi di rilevanza economica, è da ricondursi agli appalti di servizi, da aggiudicare attraverso le specifiche previsioni dettate dal Codice per gli appalti di servizi sociali di cui al Titolo VI, sez. IV.

Studi sulla gestione e organizzazione di attività sportive

Se vuoi diventare un esperto di gestione impianti sportivi, devi sapere che esistono dei corsi in grado di darti tutte le competenze necessarie per perseguire questo tuo obiettivo.

In questo settore, Unicsano rappresenta un’eccellenza, erogando, tra gli altri, il Master I Livello in Gestione e organizzazione di attività sportive. Tra le varie materie di studio di questo corso troverai, infatti: aspetti gestionali e organizzazione nello sport, bilancio sportivo, people management, controllo di gestione e pianificazione economica applicate alle organizzazioni sportive, organizzazione di eventi e manifestazioni sportive, comunicazione, gestione impiantistica sportiva e legislazione degli adempimenti.

Si tratta di un corso di una flessibilità unica, adatta ad ogni tipo di esigenza. Grazie all’erogazione attraverso il sistema e-learning, infatti, potrai seguire o rivedere le lezioni direttamente online da dove vuoi e quando vuoi, senza alcun limite al numero di visualizzazioni. Inoltre troverai tutto il materiale didattico necessario già caricato sulla tua piattaforma personale. Mentre l’alto profilo dei docenti e degli esperti che curano la didattica garantiscono l’alta qualità dell’offerta formativa. Agli iscritti che avranno superato le eventuali prove di verifica intermedie e la prova finale verrà rilasciato il Diploma di Master di I livello in Gestione e organizzazione di attività sportive.

E con questo si conclude la nostra guida su gestione impianti sportive, studi e normative di riferimento.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali