informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

La guerra fredda in breve: cause, date, presidenti

Commenti disabilitati su La guerra fredda in breve: cause, date, presidenti Studiare a Firenze

La guerra fredda fu un lungo periodo di tensione tra le democrazie del mondo occidentale e i paesi comunisti dell’Europa orientale. Nel secondo dopoguerra, tra Stati Uniti e Unione Sovietica (e i rispettivi alleati) si instaurò una rivalità aperta, sebbene mai dichiarata ufficialmente.

La guerra fredda fu condotta su fronti politici, economici e di propaganda e prevedeva solo un limitato ricorso alle armi. Il termine fu usato per la prima volta dallo scrittore inglese George Orwell, in un articolo pubblicato nel 1945, facendo riferimento a ciò che aveva predetto sarebbe stato uno stallo nucleare tra “due o tre mostruosi super-stati, ciascuno in possesso di un’arma con cui milioni di persone avrebbero potuto essere spazzate via in pochi secondi”.

Il termine fu poi usato per la prima volta negli Stati Uniti dal finanziere americano e consigliere presidenziale Bernard Baruch in un discorso alla State House di Columbia, nella Carolina del Sud, nel 1947.

Le origini della guerra fredda

Durante la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica avevano combattuto insieme come alleati contro le potenze dell’Asse. Tuttavia, il rapporto tra le due nazioni era teso. Gli americani erano stati a lungo diffidenti nei confronti del comunismo sovietico e temevano il dominio tirannico del leader russo Joseph Stalin sul suo Paese.

Da parte loro, i sovietici si erano risentiti del rifiuto decennale degli americani di trattare l’URSS come parte legittima della comunità internazionale e del loro ritardato ingresso nella seconda guerra mondiale, che aveva provocato la morte di decine di milioni di russi. Dopo la fine della guerra, questi attriti maturarono in un senso schiacciante di sfiducia e inimicizia reciproche.

La strategia di contenimento e la corsa agli armamenti

Alla fine della seconda guerra mondiale, la maggior parte dei funzionari americani era d’accordo sul fatto che la migliore difesa contro la minaccia sovietica era una strategia chiamata “contenimento”. Questa implicava il contenimento a lungo termine, paziente ma fermo e vigile delle tendenze espansive russe.

La strategia di contenimento ha anche fornito il pretesto per un accumulo di armi senza precedenti negli Stati Uniti. Nel 1950, un rapporto del Consiglio di sicurezza nazionale noto come NSC-68 aveva fatto eco alla raccomandazione di Truman che il Paese usasse la forza militare per contenere l’espansionismo comunista ovunque sembrasse accadere. A tal fine, il rapporto chiedeva un aumento quadruplo della spesa per la difesa.

In particolare, i funzionari americani incoraggiarono lo sviluppo di armi atomiche come quelle che avevano posto fine alla seconda guerra mondiale. Iniziò così una micidiale “corsa agli armamenti”. Nel 1949, i sovietici testarono una loro bomba atomica. In risposta, il presidente Truman annunciò che gli Stati Uniti avrebbero costruito un’arma atomica ancora più distruttiva: la bomba all’idrogeno, o “superbomb”. Stalin seguì l’esempio.

Di conseguenza, la posta in gioco della guerra fredda era pericolosamente alta. Il primo test della bomba H, nell’atollo Eniwetok nelle Isole Marshall, ha dimostrato quanto potesse essere spaventosa l’era nucleare.

La guerra fredda si estende allo spazio

L’esplorazione dello spazio è stata un’altra drammatica arena per la competizione della guerra fredda. Il 4 ottobre 1957, un missile balistico intercontinentale sovietico R-7 lanciò Sputnik, il primo satellite artificiale al mondo. Il lancio di Sputnik fu una sorpresa, e non piacevole, per la maggior parte degli americani. Negli Stati Uniti, lo spazio era visto come la prossima frontiera, un’estensione logica della grande tradizione esplorativa americana, ed era fondamentale non perdere troppo terreno per i sovietici. Inoltre, questa dimostrazione del potere schiacciante del missile R-7 – apparentemente in grado di consegnare una testata nucleare nello spazio aereo americano – rese particolarmente urgente la raccolta di informazioni sulle attività militari sovietiche.

Nel 1958, gli Stati Uniti lanciarono il proprio satellite, Explorer I, progettato dall’esercito americano sotto la direzione dello scienziato missilistico Wernher von Braun. Nello stesso anno, il presidente Dwight Eisenhower firmò un ordine pubblico creando la National Aeronautics and Space Administration (NASA), un’agenzia federale dedicata all’esplorazione dello spazio, nonché diversi programmi che cercavano di sfruttare il potenziale militare dello spazio. Tuttavia, i sovietici erano un passo avanti, lanciando il primo uomo nello spazio nell’aprile 1961.

Quel maggio, dopo che Alan Shepard divenne il primo uomo americano nello spazio, il presidente John F. Kennedy (1917-1963) fece l’affermazione pubblica audace che gli Stati Uniti avrebbero fatto sbarcare un uomo sulla luna entro la fine del decennio. La sua previsione divenne realtà il 20 luglio 1969, quando Neil Armstrong della missione Apollo 11, divenne il primo uomo a mettere piede sulla luna, vincendo effettivamente la “Space Race” per gli americani.

La fine della guerra fredda

Non appena entrato in carica, il presidente Richard Nixon iniziò ad attuare un nuovo approccio alle relazioni internazionali. Invece di vedere il mondo come un luogo “bi-polare” ostile, suggerì di ricorrere alla diplomazia invece dell’azione militare. A tal fine, incoraggiò le Nazioni Unite a riconoscere il governo comunista cinese e, dopo un viaggio lì nel 1972, iniziò a stabilire relazioni diplomatiche con Pechino.

Allo stesso tempo, adottò una politica di “distensione” verso l’Unione Sovietica. Nel 1972, lui e il premier sovietico Leonid Brezhnev firmarono il Trattato sulla limitazione delle armi strategiche (SALT I), che proibiva la fabbricazione di missili nucleari da entrambe le parti e fece un passo verso la riduzione della minaccia decennale della guerra nucleare.

Nonostante gli sforzi di Nixon, la guerra fredda si animò di nuovo sotto il presidente Ronald Reagan. Come molti leader della sua generazione, Reagan credeva che la diffusione del comunismo minacciasse la libertà. Di conseguenza, lavorò per fornire aiuti finanziari e militari ai governi anticomunisti e alle insurrezioni di tutto il mondo.

Nel frattempo, l’Unione Sovietica si stava disintegrando. In risposta ai gravi problemi economici e al crescente fermento politico in URSS, il Premier Mikhail Gorbachev entrò in carica nel 1985 e introdusse due politiche che ridefinirono il rapporto della Russia con il resto del mondo: “glasnost”, o apertura politica, e “perestrojka“o riforma economica.

L’influenza sovietica nell’Europa orientale iniziò a diminuire. Nel 1989, ogni stato comunista dell’ex blocco sovietico sostituì il suo governo con uno non comunista. Nel novembre di quell’anno, il muro di Berlino fu infine distrutto. Nel 1991 la stessa Unione Sovietica crollò. La guerra fredda era finita.

Questo periodo sarà approfondito nel Master I Livello in Politica militare comparata dal 1945 ad oggi di Unicusano, che offre un approfondimento su dottrina, strategia e armamenti nella storia contemporanea.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali