informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Piatti tipici della Toscana: le ricette da provare assolutamente

Commenti disabilitati su Piatti tipici della Toscana: le ricette da provare assolutamente Studiare a Firenze

Sei sicuro di conoscere i più buoni piatti tipici della Toscana? E sei in grado di cucinarli?

Per aiutarti a rispondere a queste domande, abbiamo deciso di dedicarti questa vera e propria guida alle ricette toscane.

Anche perché la cucina toscana è ricca di materie prime e prelibatezze per ogni occasione: dal pranzo di Natale all’alimentazione adatta alla perfetta dieta dello studente.

Dalle trattorie Firenze centro alla tavola di casa tua, la gastronomia toscana offre soluzioni sfiziose e gustose per ogni contesto e situazione. Per ogni palato, età e regime alimentale preferito.

Curioso di saperne di più? Allora non perdiamo tempo e andiamo subito a scoprire i piatti tipici della Toscana più buoni e affascinanti.

Piatti tipici toscani: ricette e materie prime

La cucina fiorentina, e della regione di cui è capoluogo, è molto variegata e completa. Ecco perché, per conoscere a fondo i piatti tipici della Toscana, utilizzeremo i prossimi paragrafi per raccontare quali sono i prodotti tipici fiorentini alla base dei migliori antipasti, i primi piatti toscani, i secondi di terra e di mare, i contorni e gli immancabili dolci. E per concludere un focus sulle ricette di una volta, quelle che fanno da filo conduttore tra tradizione e innovazione. Quelle della nonna, per intenderci. Non rimane che augurarti buona lettura e buon appetito.

Prodotti tipici della Toscana

Alla base dei migliori antipasti toscani ci sono ovviamente prodotti alimentari e materie prime che solo questa fantastica regione è in grado di regalare.

I prodotti fondamentali nella cucina tipica toscana sono quattro:

  1. Il pane;
  2. Le carni bianche e rosse;
  3. Salumi;
  4. Formaggi.

A questi, ovviamente, vanno aggiunti i dolci, il vino e l’olio extra vergine di oliva. Da tutti questi prodotti toscani si declina tutta la cucina regionale, a partire proprio dagli antipasti.

Qualche esempio? In primis i crostini con i fegatini di pollo saltati in padella con olio, sedano, carote e cipolle. Ma variabili e abbinamenti sono sconfinati. E poi il classico tagliere di salumi a base di prosciutto toscano senese, casentino, di Sorano, della Garfagnana o della Valle del Serchio. Ma anche con la pancetta, il lombo, la gota, il guanciale, il lardo di colonnata, il capocollo, il filetto della Lunigiana, il buristo pisano, la mocetta carrarina, il finocchiato di San Miniato, la finocchiata senese o la sbriciolona. Insomma: tutto il meglio degli insaccati toscani. Infine i formaggi, dal pecorino toscano, come il Pienza e quello maremmano, ala ricotta e il raveggiolo tra i formaggi “molli”.

Tutti cibi particolari caratteristici di questa terra, utilizzabili spesso e volentieri anche come contorni toscani.

Primi piatti tipici toscani

Detto degli antipasti tipici toscani, iniziamo con le portate vere e proprie.

Ora che ti sei fatto la bocca, è infatti il momento di passare ai primi toscani. Ecco nove ricette contadine e non che contraddistinguono questo tipo di cucina:

  1. Minestra di pane con carote, cipolle e cavolo, patate, pomodori, fagioli, sedano;
  2. Pancotto. Una minestra preparata con pane raffermo, bollito e condito;
  3. Ribollita alla senese. Piatto derivante dalle zuppe toscane di pane raffermo e verdure;
  4. Pappa al pomodoro. Ricetta tipica della tradizione contadina, fatta con pane raffermo di casa;
  5. Pappardelle al ragù di cinghiale o al sugo di coniglio o di lepre;
  6. Tortelli di Patate, tipici del Mugello e del Casentino;
  7. Pici alle briciole o all’aglione, la pasta tipica toscana;
  8. Acquacotta. Primo piatto tipico della cucina della bassa maremma, simile alle ricette medievali semplici della zuppa arcidossina, ma basata su ingredienti diversi;
  9. Crespelle alla fiorentina ripiene con ricotta e spinaci.

Come puoi notare, anche per i primi tipici fiorentini spesso e volentieri i prodotti tipici della Toscana la fanno da padrona, come ad esempio il pane.

L’offerta inoltre è molto ampia, tanto da poter scegliere tra piatti tipici toscani estivi o invernali in base alla stagione nella quale li consumi.

Secondi piatti tipici toscani

ricette toscaneFino a questo momento abbiamo visto antipasti e preme portate davvero da leccarsi i baffi, ma il meglio deve ancora venire.

Le specialità fiorentine e i piatti tipici della Toscana per eccellenza, infatti, sono i secondi di carne. Sono talmente tante le ricette senesi, pisane, aretine, del resto della regione e soprattutto del capoluogo, che elencarle tutte sarebbe impossibile. Per questo motivo abbiamo scelto per te i sei secondi piatti toscani a base di carne che abbiamo ritenuto potessero piacerti più di tutti.

  1. Vitellone o scottona con tanto di osso, cotta al sangue alla griglia o sulla brace. La bistecca alla fiorentina più tradizionale;
  2. Carni in dolceforte;
  3. Lampredotto. Piatto tipico fiorentino della cucina povera a base di uno dei quattro stomaci dei bovini, l’abomaso;
  4. Peposo alla fornacina. Spezzatino al forno, molto pepato, con un pizzico di pomodoro e Chianti rosso;
  5. Spezzatino di trippa a strisce con soffritto di cipolle;
  6. Arista alla toscana.

La carne rappresenta dunque il fiore all’occhiello del menu toscano per eccellenza, ma i secondi toscani non si limitano solo a questo tipo di prodotto. Anche i secondi di pesce toscani, seppur non con una tradizione forte quella della cacciagione, merita il suo spazio. Ecco qualche esempio:

  1. Baccalà alla fiorentina;
  2. Filetti di merluzzo alla fiorentina;
  3. Caciucco alla livornese;
  4. Tonno ubriaco alla livornese;
  5. Acciughe fritte;
  6. Cannocchie alla viareggina;
  7. Brustico.

E poi ci sono le ricette vegetariane toscane, anch’esse degne di nota e dalla tradizione antica. Dalla farina di ceci, utilizzata a per fare la cecìna, la farinata o la torta di cecco, fino alla farina di castagno utilizzata in particolare per preparare il castagnaccio. Il farro, coltivato da secoli nel nord (da qui la varietà lucchese del dicocco) è tipico delle minestre toscane. E poi il granturco del centro della regione e la polenta consumata tipicamente sulle zone montuose.

Ricette toscane antiche

I piatti tipici della Toscana hanno radici antiche. Per questo apriamo una parentesi sui cibi più tradizionali di questa cucina. Le ricette toscane della nonna per intenderci.

Alcune, come il pancotto, l’acquacotta, le carni in dolceforte o il brustico, le abbiamo già accennate nella nostra carrellata di specialità locali, adesso andremo ad approfondirle e ad arricchire il menu con nuove ricette.

Prendiamo ad esempio la Panzanella, un piatto a base di pane raffermo, basilico e cipolla rossa, condito con aceto, olio e sale. Oppure il Pan di ramerino, un panino di piccole dimensioni, morbido e dolce, a base di pasta di pane, uva sultanina, zibibbo e rosmarino. E poi lo Zuccotto, conosciuto anche come Elmo di Caterina, ovvero un dolce ereditato e tramandato addirittura dai banchetti della famiglia Medici.

Il già citato dolceforte, invece, rappresenta uno dei metodi di preparazione delle carni più antico della cucina fiorentina. Mentre l’acquacotta deriva dal pranzo tipico dei butteri, i pastori a cavallo della Maremma che si mangiavano in aperta campagna seguendo le mandrie.

E con questo siamo giunti alla conclusione della guida Unicusano sui piatti tipici della Toscana. Adesso non devi fare altro che selezionare gli ingredienti giusti, metterti ai fornelli e apparecchiare a dovere la tavola. Se poi, oltre ad essere una buona forchetta, sei un’amante della ristorazione, puoi dare un’occhiata ai nostri master dedicati al management agroalimentare, l’alimentazione vegetariana e vegan, il diritto alla sicurezza alimentare o la nutrizione clinica, nel fitness e nel recupero funzionale degli atleti.

A noi non rimane che augurarti buon appetito e buono studio.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali