informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Pranzo di Natale a Firenze: ricette tipiche e consigli

Commenti disabilitati su Pranzo di Natale a Firenze: ricette tipiche e consigli Studiare a Firenze

Sei alla ricerca delle ricette tipiche per il tuo pranzo di Natale a Firenze?

Non c’è problema, ti aiutiamo noi. In questo articolo, infatti, andremo alla scoperta del menu tipico toscano da assaporare durante le festività, in particolare durante la cena della vigilia di Natale e soprattutto per il pranzo del 25 dicembre.

Ti daremo tutte le informazioni utili per un organizzare una tavola coi fiocchi, nel pieno rispetto delle tradizioni e della tua dieta da studente universitario, se ne segui una. Ma ricorda, se pensi di aver mangiato troppo, fare un bel giro di Firenze in bici può aiutarti a smaltire il tutto e ad ammirare ancora una volta le bellezze di questa splendida città. Specialmente se il bel tempo ti assiste.

Cosa e dove mangiare a Natale a Firenze

Non preoccuparti, abbiamo pensato proprio a tutto: sia che tu voglia mangiare a casa, sia nel caso in cui volessi recarti presso una delle tante e buonissime trattorie di Firenze. Curioso di saperne di più? Allora entriamo subito nel merito, iniziando a conoscere cosa significa davvero pranzare a Firenze.

Pranzo Firenze e dintorni: le specialità tipiche

pranzare a firenzePrima di conoscere le specialità tipiche del pranzo di Natale a Firenze, facciamo un passo indietro e iniziamo dalle basi.

Ovvero: quali sono le eccellenze della cucina di questa terra e dei dintorni?

E quali i piatti tipici, già buoni durante tutto, figuriamoci per le feste? Andiamo a conoscerli insieme.

Tra i prodotti tipici troviamo sicuramente:

  • La carne, dalla bistecca fiorentina alla chianina, ma anche coniglio, cervo, manzo e cinghiale;
  • Il pane, croccante fuori e morbido dentro, piatto e senza sale;
  • L’olio extravergine di oliva;
  • Il vino Chianti.

Tra le ricette più rinomate, trovano spazio, tra gli altri:

  • La pappa al pomodoro;
  • Il baccalà alla fiorentina;
  • La ribolitta;
  • Il pancotto;
  • La panzanella,
  • Il peposo toscano.

Senza dimenticare i dolci: dal Castagnaccio allo zuccotto, fino alla schiacciata dolce con l’uva. A quali più avanti aggiungeremo anche i prodotti tipici del Natale.

Menu di Natale toscano: gli antipasti e i primi piatti

Un pranzo che si rispetti, specialmente a Natale, non può non partire dagli antipasti.

E gli antipasti toscani per eccellenza sono i crostini con i fegatini di pollo saltati in padella con olio, sedano, carote e cipolle.

Vuoi sapere come prepararli nel modo migliore? Allora ricorda questi semplici passaggi chiave:

  1. Tagliali in punta di coltello;
  2. Rimettili in padella con sale, pepe, filetti di acciuga e capperi tritati;
  3. Sfumali con del vino bianco o con del Vin Santo;
  4. Lasciali cuocere per 15 minuti, magari bagnandoli con del brodo di pollo;
  5. Per fare il crostino utilizza del pane raffermo abbrustolito in forno;
  6. Bagna parte del fondo di cottura e spalma sull’altra il condimento ancora caldo, come da tradizione.

Per quanto riguarda invece i primi piatti, il menu tipico toscano per un perfetto pranzo di Natale a Firenze suggerisce i tortellini o, meglio ancora, i cappelletti in brodo. Quest’ultimo, in Toscana, non può che essere di cappone.

Ecco come fare:

  1. Riempi una pentola con acqua fredda, il cappone, una cipolla, sedato e una carota;
  2. Porta la pentola in ebollizione e lascia cuocere il tutto per due ore;
  3. Aiutandoti con un colino, separa il grasso dal brodo;
  4. Frulla la carne di cappone condita con uovo, sale, prezzemolo tritato, noce moscata, pancetta affumicata e parmigiano;
  5. Prepara la pasta all’uovo fatta in casa;
  6. Utilizza la carne, frullata e condita, come ripieno dei cappelletti.

Pranzo di Natale in Toscana: dal secondo al dolce

Adesso che abbiamo stuzzicato un certo languorino, passiamo al secondo piatto: la lombata di maiale.

In altre parole l’arista fiorentina legata e condita con salvia, aglio, rosmarino sale e pepe e cotta al forno per circa un’ora.

Per prepararla infatti, la prima cosa da fare è proprio preriscaldare il forno a 200 gradi e nel frattempo prepararla. In questo caso, oltre a condire la carne massaggiandola, ricorda di:

  1. Separare il controfiletto dall’osso;
  2. Legare tutto con spago da cucina;
  3. Mettete a cuocere su di una teglia con abbondante olio e patate a pezzettoni salate;
  4. Una volta che la carne diverrà croccante, aggiungi del vino bianco;
  5. Lasciala raffreddare, disossala e tagliala a fette.

Inoltre, se volessi alleggerire un po’ il tutto, potresti anche abbinarci una bella insalata fresca.

In alternativa alla lombata, puoi puntare anche su un misto di carni arrosto, una faraona, un torno o un piccione. Tutte specialità toscane davvero squisite.

E per finire in bellezza il perfetto menu del pranzo di Natale a Firenze, arriviamo ai dolci fiorentini tipici di questo periodo. Quelli più noti sono:

  1. I ricciarelli, ovvero biscotti fatti con pasta di mandorle e zucchero;
  2. Il panforte con frutta secca o candita, un vero must del Natale fiorentino;
  3. I cantuccini col Vin Santo, i biscotti con le mandorle rappresentano una ricetta tra le ricette più tipiche della tradizione toscana.

E poi, ovviamente, ciò che mette d’accordo tutta l’Italia nel periodo natalizio: il pandoro e il panettone. Entrambi nelle loro innumerevoli e buonissime variabili. Altrimenti che Natale è?

Il pranzo di Natale toscano fuori Firenze

Fino a questo momento, come è giusto, ci siamo concentrati soprattutto su Firenze, seppur con qualche accenno a piatti e sapori tipici dei dintorni del capoluogo toscano. Abbiamo però pensato anche all’eventualità in cui volessi provare qualcosa di nuovo, basandoti comunque su tradizioni vicine, ma che provengano dal resto della Toscana.

Ad esempio, nella zona del Monte Amiata (tra la Maremma, la Val d’Orcia e la Val di Chiana, la provincia di Grosseto e quella di Siena) si usa consumare le Chiocciole cotte, ovvero le lumache. Ma anche la ricciolina, un dolce con ricotta, noci, nocciole, meringhe e cioccolata.

A Livorno, invece, un piatto tipico del Natale è il Caciucco, fatto con zuppa di pesce e fette di pane tostato.

Mentre tipiche di Grossetto sono le castagne bollite, cosiddette Vecchiarelle.

Proviene dalle parti di Porto Santo Stefano, infine, la Pagnottella di Natale, un pane dolce cotto in forno con mandorle, pinoli, noci, fichi secchi, e uvetta.

Et voilà: ecco serviti anche alcuni consigli per un pranzo di Natale a Firenze un po’ alternativo.

Pranzo di Natale al ristorante

Siamo giunti quasi alla conclusione di questa nostra guida sul pranzo di Natale a Firenze.

Non ci rimane che dare risposta ad un’ultima domanda: dove pranzare a Firenze se vuoi andare al ristorante il 25 dicembre?

Puoi controllare quali ristoranti aperti a Natale a Firenze e dintorni prevedono un menu tipico come quello che ti abbiamo indicato o altri pensati particolarmente per questa festa.

Alcuni, potrebbero essere:

  • Ristorante i cinque sensi Firenze FI – Via Pier Capponi, 3. Pietanze mediterranee servite tra sedie tappezzate e soffitti a cassettoni in raffinato locale con pianoforte;
  • Podere Le Pialle Pontassieve Firenze FI – Via di Galiga, 20. Un agriturismo vicino Firenze, immerso nel silenzio e nel verde della campagna toscana;
  • Ristorante pane e olio Firenze FI – Via Faentina, 2. Piatti di pesce creativi e pane casareccio tra piastrelle bianche e travi a vista in locale intimo con dehors;
  • Canova di Gustavino Firenze FI – Via della Condotta, 37. Menù toscano tra arredi di metallo e vetro in ristorante moderno con cantina rustica per degustazioni di vini;
  • Ristorante La Falterona Firenze FI – Via G. B. Zannoni, 10-12. Pici e bistecche alla fiorentina in sale curate con pavimenti in graniglia di marmo e quadri alle pareti.

Per conoscere altri locali e avere maggiori informazioni, potrebbe tornarti utile la nostra guida completa sulle trattorie Firenze centro, dove mangiare low cost a Natale e non solo. Corri pure a dare un’occhiata quando vuoi.

E ricorda che, se oltre ad essere una buona forchetta sei anche interessato alle scienze alimentari o al campo della ristorazione, Unicusano eroga diversi corsi che potresti trovare interessanti: dal management agroalimentare all’alimentazione vegetariana e vegana, ma anche sul diritto della sicurezza alimentare, sulla nutrizione clinica o nel fitness.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali