informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scoperte scientifiche del 900: le principali innovazioni del secolo

Commenti disabilitati su Scoperte scientifiche del 900: le principali innovazioni del secolo Studiare a Firenze

Vuoi sapere quali sono le scoperte scientifiche del 900 più importanti?

Il XX è stato certamente un secolo ricco di avvenimenti che hanno cambiato il mondo, come avrai certamente studiato o letto sui libri sulla seconda guerra mondiale. Ma oltre a quel catastrofico avvenimento bellico, ricordiamo anche rivoluzione russa, la prima guerra mondiale, l’affermarsi dei regimi totalitari, la grande depressione del ’29, la terza rivoluzione industriale e l’avvio dell’era della globalizzazione.

In uno scenario del genere non poteva certo mancare anche un forte impulso alle innovazioni tecnologiche, invenzioni rivoluzionarie e scoperte scientifiche in diversi ambiti. Da quello militare a quello medico, dell’ingegneria meccanica, al campo della psicologia.

Nel bene o nel male, perché molte delle invenzioni del 900 traggono ispirazioni da esigenze di guerra o da una spiccata volontà di potenza.

Tutto ciò che oggi sappiamo di questi settori, e di molti altri, è stato influenzato dalle innovazioni del secolo scorso, nel bene o nel male. Non a caso molte delle scoperte scientifiche più importanti della storia risalgono proprio a quegli anni.

Vorresti conoscerle meglio? Allora, in attesa di una delle poche invenzioni mancate lo scorso secolo, ovvero la macchina del tempo, saremo noi a guidarti indietro di qualche decennio per svelare tutte le scoperte scientifiche del ‘900. Buona lettura.

Il secolo delle scoperte scientifiche

Erano state già molte le scoperte scientifiche di fine 800 e inizio 900, segno dei passi in avanti che l’umanità stava facendo in questo campo, ma è entrando nel vivo del XX secolo che il fiorire di invenzioni tecnologiche e di altra natura raggiungono il loro apice massimo. Quali? Scopriamolo insieme nei prossimi paragrafi.

Prime 5 importanti scoperte scientifiche

innovazioni tecnologicheA differenza delle scoperte scientifiche del 1800, le esigenze della società e delle Nazioni del ‘900 premevano maggiormente sull’acceleratore. Conflitti bellici, volontà di potenza, terza rivoluzione industriale, guerra fredda e poi globalizzazione.

Elencare tutte le invenzioni del XX secolo in un solo articolo sarebbe impossibile. Per questo abbiamo deciso di individuarne cinque che hanno rivoluzionato il mondo dalle quali partire.

  1. Invenzione della televisione;
  2. Scoperte di Einstein come l’elaborazione della Relatività ristretta e della Relatività Generale;
  3. Nascita e sviluppo dell’elettronica, delle telecomunicazioni, dell’informatica e di internet;
  4. Scoperta dei vaccini e della farmacologia dopo la scoperta della penicillina da parte di Alexander Fleming;
  5. Sviluppo di terapie antitumorali come chemioterapia e radioterapia.

Come puoi vedere l’innovazione del 900 spazia dalla fisica moderna all’informatica, dalle telecomunicazioni alla medicina. Ma è solo l’inizio. Le coperte scientifiche del 900 non sono certo finite qui. Scopri le altre nei prossimi paragrafi di questo articolo.

Cronologia di una scoperta: i primi anni del ‘900

Riassunte le invenzioni probabilmente più importanti del secolo, passiamo ad elencarne alcune altrettanto significative.

Ecco una cronologia delle altre dodici principali scoperte di quest’epoca storica, scandite da una puntuale cronologia delle invenzioni.

  1. Il biologo austriaco naturalizzato statunitense Karl Landsteiner scopre i gruppi sanguigni (1900);
  2. Karl Landsteiner, biologo austriaco, isola il virus della poliomielite (1908)
  3. Il fisico danese Niels Bohr formula la teoria della costituzione dell’atomo. Nasce il modello atomico di Bohr, passaggio fondamentale della fisica moderna (1913);
  4. Lo psichiatra svizzero Hermann Rorschach inventa l’omonimo test adottato come metodo per l’indagine della personalità (1921);
  5. Il fisiologo canadese Frederick Banting inventa l’insulina (1921);
  6. L’egittologo britannico Howard Carter scopre la tomba di Tutankhamon (1922);
  7. Il fisico statunitense Charles Francis Richter, introduce l’omonima scala in grado di misurare la magnitudo dei terremoti (1935);
  8. Nasce la penna a sfera, ideata dall’inventore ungherese naturalizzato argentino László Bíró;
  9. Walter Brattain e John Bardeen, due ricercatori dei laboratori Bell Labs del gruppo di ricerca guidato da William Shockley, realizzano il primo prototipo funzionante di transistor (1947). Ad ideare il primo era stato il fisico e ingegnere Julius Edgar Lilienfeld nel 1925;
  10. I biologi James Watson e Francis Crick scoprono la struttura a doppia elica del DNA delle cellule (1953);
  11. Il batteriologo statunitense Jonas Salk scopre il vaccino contro la poliomielite (1955);
  12. L’inventrice statunitense Ruth Handler crea la prima bambola Barbie, la più venduta di sempre nel mondo (1959).

Ed ecco che la nostra raccolta di scoperte scientifiche del 900 comincia ad arricchirsi sensibilmente. Andiamo avanti.

Scoperte scientifiche 1968

Il ’68 è passato alla storia come l’anno delle contestazioni studentesche e dei figli dei fiori, i cosiddetti hippy. Quello che forse non sa è che fu anche uno degli anni più ricchi di scoperte scientifiche del 900. Qualche esempio? Eccone 3:

  1. Nasce Shakey, il primo robot completo dello SRI (Stanford Research Institute), capostipite di una serie di modelli perfezionati nel corso degli anni;
  2. I tre ricercatori Sheldon Glashow, Abdus Salam e Steven Weinberg fanno una scoperta particolarmente importante per il mondo della fisica, unificando due delle quattro interazioni fondamentali della natura, ovvero l’elettromagnetismo e la forza nucleare debole. Nasce così la teoria dell’interazione elettrodebole;
  3. Passando all’astronomia, nel febbraio 1968 un’astrofisica britannica, Jocelyn Bell, all’epoca dottoranda, scoprì insieme al suo relatore di tesi Antony Hewish, la prima pulsar. Ovvero una stella di neutroni.

Scoperte scientifiche seconda metà del ‘900

Riprendiamo la nostra cronologia invenzioni, concentrandoci adesso sul post ’68. A tal proposito, ecco quattordici scoperte scientifiche del 900 da ricordare:

  1. Intel sviluppa il primo microprocessore (1971);
  2. Il fisico britannico Stephen Hawking elaborata l’omonima teoria della Radiazione termica emessa dai buchi neri (1974);
  3. L’astronomo statunitense James Elliot scopre gli anelli di Urano (1977);
  4. Steven Jobs e Stephen Wozniak introducono il primo Apple Computer (1977);
  5. Primi telefoni cellulari introdotti in Giappone (1979);
  6. I biologi Luc Montagnier e Robert Gallo scoprono il virus dell’HIV, responsabile della malattia dell’AIDS (1983);
  7. Vengono scoperte le sostanze allotopre molecolari del carbonio dette fullereni (1985);
  8. Mueller e Beldnoz scoprono i superconduttori ad alte temperature (1986);
  9. Jet labs producono la fusione nucleare (1991);
  10. Individuato il gene associato al cancro del colon (1993);
  11. Scoperto Ramidus un antenato dell’uomo di 4 milioni di anni fa (1994);
  12. Si scopre che l’universo si sta espandendo e sta accelerando (1998);
  13. Decifrato cromosoma 22 (1999);
  14. Si scopre che l’universo nel suo insieme è in rotazione (1999).

Altre scoperte e invenzioni del ‘900

Alcune scoperte scientifiche del 900 sono difficilmente collocabili in una data precisa, perché si sono sviluppate nel corso di più anni. Ma si tratta comunque di invenzioni altrettanto importanti rispetto a quelle di cui abbiamo parlato fino ad adesso. Motivo per il quale è necessario citarle.

Le più importanti tra queste, sono tredici:

  1. Nascita della psicanalisi, fondata dal neurologo e psicoanalista austriaco Sigmund Freud;
  2. Diffusione dell’elettricità come fonte di energia per l’illuminazione.
  3. Si afferma la fisica quantistica grazie al contributo del fisico tedesco Max Planck;
  4. Nascita e sviluppo delle energie alternative e rinnovabili. Se sei interessato ti suggeriamo il Master Unicusano dedicato proprio a queste tematiche;
  5. Prima parziale mappatura del genoma umano;
  6. Primi satelliti artificiali in orbita intorno alla Terra;
  7. Prime sonde spaziali dirette verso altri pianeti del sistema solare;
  8. Missioni spaziali da parte degli USA con gli Space Shuttle;
  9. Messa in orbita della Stazione Spaziale Internazionale;
  10. Diffusione dei telefoni cellulari;
  11. Invenzione dei protocolli del web;
  12. Uso di pesticidi ed erbicidi in agricoltura per incrementare la produttività;
  13. Grandi sviluppi nella scienze e nell’ingegneria.

Ma come anticipato all’inizio di questo articolo, citarle tutte sarebbe davvero impossibile. Tanto era forte l’ingegno dell’uomo del XX secolo.

E con questo siamo giunti alla conclusione della nostra guida sulle scoperte scientifiche del 900. Qual è la tua preferita?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali