informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tragedia della Grenfell Tower: formarsi per evitare che accada di nuovo

Commenti disabilitati su Tragedia della Grenfell Tower: formarsi per evitare che accada di nuovo Studiare a Firenze

Una realtà attenta ad erogare solo formazione che realmente tocchi il mercato del lavoro ed i suoi attori non può prescindere dall’attualità. Quello che accade nel mondo accade anche nel mondo più piccolo delle aziende e, di conseguenza, interessa anche tutti quegli studenti che si impegnano sui libri per acquisire il know-how necessario ad essere appetibili. E’ il caso specifico della tragedia della Grenfell Tower che sta sconvolgendo Londra e anche il resto dell’Opinione Pubblica globalizzata. S’è tratta di una morte orrenda, che sembra non aver scampato neanche italiani, ma quel che colpisce è che s’è trattato di un bruttissimo incidente che si sarebbe potuto evitare. Come? Preparando i professionisti ad evitare certe situazioni e a lavorare, con cognizione di causa, alla prevenzione sulla sicurezza. Curiosi? Vi forniamo una guida che, in tal senso, saprà darvi tantissimi spunti ma ovviamente che, per quanto estesa, sarà solo un’importante (ed eventuale) partenza qualora voleste capire meglio come diventare ingegneri più… coscienziosi. Curiosi? Non vi resta che buttarvi nella lettura di questo articolo.

Silenzio rispettoso e pieno di dolore per la tragedia della Grenfell Tower. Silenzio ma anche l’impegno di ognuno di noi affinché certe cose non accadano più. Un incidente non sempre è imprevedibile e una corretta formazione sulla prevenzione, rivolta ai giusti professionisti di settore, potrebbe fare molto salvando molte vite. Questa è una storia che si intreccia con l’Ingegneria Civile che sembra non abbia fatto tutto quello che avrebbe dovuto fare.

Le cause dell’incendio della Grenfell Tower sono dibattute. Alcuni parlano del rivestimento esterno del palazzo, sostituito in una recente ristrutturazione, che sarebbe stato non ignifugo a sufficienza. Effettivamente, con le apposite barriere tagliafuoco ad ogni piano, il rivestimento non avrebbe dovuto bruciare in quel modo. Lo chiarirà un’inchiesta specifica ma la soluzione non sembra così facile perché i responsabili della ristrutturazione hanno già confermato di avere rispettato gli standard e le regole di sicurezza durante i lavori.

Sempre durante la ristrutturazione della Grenfell Tower, sono state aggiunte alcune nuove tubature per il gas nella tromba delle scale. Questo fatto aveva preoccupato una dei consiglieri del palazzo, Judith Blakeman, che aveva formalmente chiesto se questa soluzione fosse sicura a sufficienza. Era stata liquidata con l’assicurazione che i tubi sarebbero stati presto avvolti in materiale ignifugo, per ulteriore precauzione. Forse quel lavoro non è stato poi effettivamente e fattivamente svolto.

Un ultimo punto da chiarire su perché ha preso fuoco la Grenfell Tower è legato al sistema di allarme antincendio del palazzo. Tantissime inquilini hanno detto di non averlo sentito e di essersi accorti del pericolo solo quando hanno sentito arrivare i mezzi di soccorso a sirene spiegate.

Ora incrociamo queste considerazioni con voi e cioè con la formazione che potreste avere per agire diversamente quando e se vi troverete, da ingegneri civili, in costruzioni così importanti.

Diventare un ingegnere civile moderno

L’unico modo per evitare che si ripetano certi incidenti è lavorare sulla prevenzione. Prevenire significa formare in modo adeguato che, declinato nel discorso urbanistico di Londra (ma non è certo l’unica città d’Europa messa così!), significa diventare un ingegnere civile moderno.

L’approccio del metodo di studio del corso di Ingegneria di Unicusano Firenze è all’avanguardia. Si tratta, infatti, di un mix tra FAD – formazione a distanza e FIP – formazione in presenza perfettamente customizzabile sulle vostre esigenze di vita e di comprensione delle materie. Non ci nascondiamo sul fatto che lo sviluppo della parte “fisica” dell’Ateneo sia avvenuto, infatti, per seguire le esigenze di chi compie studi ingegneristici in cui le materie sono complesse e dove le spiegazioni de visu dei docenti e le esercitazioni in classe sono essenziali.

L’offerta didattica della Facoltà di Ingegneria è sempre in movimento e, come spiegato in apertura di guida, legata a quel che accade nel mondo. Al momento è già molto ricca e si struttura in questo modo:

Corso di Laurea in Ingegneria Civile (triennale – classe L-7)

In questo iter didattico sarete impegnati a sviluppare le seguenti competenze:

  • principi, metodologie e strumenti per la modellazione delle strutture;
  • principi riguardanti la caratterizzazione fisico meccanica delle terre e le principali metodologie sperimentali per la determinazione dei relativi parametri;
  • nozioni fondamentali della meccanica dei fluidi continui e dell’idraulica;
  • principi, metodologie e strumenti per il calcolo delle strutture;
  • principi, metodologie e strumenti per il calcolo e la progettazione di opere idrauliche.

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile (biennale – classe LM-23)

Si tratta della seconda mandata di studi in questo senso ed avrete garantito un know-how preciso che riportiamo qua sotto, per correttezza di informazione, direttamente dal sito ufficiale:

  • •conoscenze sui principi, le metodologie e gli strumenti per la modellazione del comportamento del terreno e della sua interazione con le strutture;
  • •conoscenze avanzate sui principi, le metodologie e gli strumenti per la modellazione ed il calcolo di strutture realizzate con diversi materiali (calcestruzzo armato, acciaio, muratura, legno) e con l’utilizzo di differenti tecnologie e tipologie strutturali (strutture precompresse, prefabbricate, etc.);
  • caratteristiche dei materiali, anche innovativi, e applica tali conoscenze per la scelta di quelli più idonei alla specifica applicazione strutturale, al recupero ambientale ed all’intervento sostenibile;
  • conoscenze dei principi riguardanti la progettazione “energy saving” degli involucri degli edifici;
  • •conoscenze specialistiche sui principi, sulle metodologie e gli strumenti per la valutazione delle sollecitazioni di progetto, la valutazione dell’impatto sull’ambiente circostante e la progettazione di infrastrutture ed opere idrauliche;
  • •competenze avanzate riguardanti le teorie e le tecniche per la progettazione, costruzione, gestione e manutenzione delle infrastrutture viarie (stradali, ferroviarie, e aeroportuali);
  • competenze avanzate nel settore dell’ingegneria del rilevamento e sui criteri, le problematiche e le metodologie per il rilievo, il controllo, il monitoraggio e la rappresentazione delle strutture e del territorio;
  • competenze relative alle metodologie più aggiornate per la previsione, prevenzione e gestione del rischio idraulico, geologico e sismico in ambito civile;
  • •è in grado di valutare il livello di sicurezza di una struttura di nuova progettazione o esistente, con riferimento ai moderni requisiti delle normative di tipo prestazionale.

Che scegliate un percorso piuttosto che un altro, dovete analizzare che, tra i vantaggi di seguire Ingegneria presso Unicusano, c’è anche la retta annuale che non solo ha un costo molto competitivo ma è all-inclusive e cioè include anche tutti i materiali didattici ma, soprattutto, tutti i libri di testo degli esami che, in media, incidono per un costo di 200 euro ad appuntamento.

Specializzarsi post laurea in Ingegneria Civile

Se quel che è accaduto nella capitale inglese è gravissimo, va anche detto che è importante alzare di molto l’asticella della qualità della vostra preparazione e lo potrete fare solo considerando che la laurea è un titolo di studio importante ma da integrare con un master in Ingegneria che vi faccia performare al 100%. Ecco l’offerta attuale dell’università:

Gli sbocchi lavorativi di questi master ingegneristici sono quasi lapalissiani. In un paese come il nostro, sconquassato dai terremoti, e, più in generale, in un’Europa dove, oltre al citato incidente, avvengono tutti i giorni atti terroristici distruttivi, una professionalità come questa è essenziale. Alzare la sicurezza dell’architettura delle nostre città forse non vuol dire agire direttamente sui criminali come potrebbero fare le Forze Armate ma significa poter contribuire concretamente e fattivamente a limitare i danni quando danni ci saranno e, quindi, significa contribuire a salvare vite umane.

Specializzarsi post laurea in Ingegneria Civile, come potete vedere, è tutt’altro che impossibile. Ancor più se pensate che, grazie alla formazione a distanza, vi sarà facile integrare questi studi con la vostra vita anche lavorativa.

Svolgere un tirocinio all’estero

Tecnicamente si chiama “Tirocinio extra-curriculare” ed è un servizio offerto da Unicusano Firenze nell’ottica di darvi sempre un link preciso col mondo del lavoro.

A tesi discussa e a laurea presa, infatti, potrete andare sul sito ufficiale e vedere la lista di aziende con cui la nostra realtà ha a che fare in modo tale che quella che ritenete più idonea la possiate scegliere per la vostra esperienza lavorativa all’estero durante la quale avrete modo di vivere in un paese diverso dall’Italia ed immergervi così nella sua cultura.

A fine percorso non avrete solo un bagaglio di bei ricordi. E’ prevista, infatti, una precisa relazione tecnica del tirocinio all’estero in modo tale che possiate avere tra le mani la valutazione che avete suscitato col vostro operato ma anche un pezzo di carta da rivendervi poi in fase di colloquio di lavoro.

Cercare lavoro usando i social network

Nella conclusione di questo viaggio che ha linkato la giusta formazione da ingegnere con la tragedia della Grenfeel Tower, non possiamo non invitarvi ad uscire dai confini nazionali non solo in modo fisico ma anche attraverso tutte le opportunità che la rete offre.

Nello specifico, cercare lavoro usando i social network è una possibilità in più non solo con LinkedIn, che è il canale preposto, ma anche attraverso Facebook, che ormai ha iniziato un’attività legata alle pagine aziendali davvero intensa.

La forza di trovare lavoro sui social network è che potrete incrociare le informazioni e la reputazione di una realtà coi commenti dal basso (e quindi incontrollabili) di chi con questa realtà ha avuto a che fare. Non poco.

Lasciamoci la tragedia della Grenfeel Tower alle spalle e pensiamo ad un futuro migliore. Un futuro in cui due giovani italiani non perderanno la vita per la superficialità di qualcuno e dove voi continuerete a prendere informazioni sui vostri corsi di laurea in rete ma, più nello specifico, negli articoli che ogni giorno pubblichiamo sul blog universitario della città di Firenze. Potrete anche chiederci quel che vorrete attraverso l’apposito il form informativo.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali