informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Film sull’istruzione: la nostra top ten

Commenti disabilitati su Film sull’istruzione: la nostra top ten Studiare a Firenze

Sei un amante del cinema, e magari del mondo della formazione, alla ricerca di film sull’istruzione?

Allora abbiamo subito una buona notizia per te: sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, parleremo proprio delle più belle pellicole che trattano questo tema o che sono comunque ambientate nel contesto educativo e studentesco.

Abbiamo stilato per te, e per l’occasione, una vera e propria top ten dei migliori film sulla scuola, cercando di pescare tra i più diversi generi cinematografici: dai film commoventi da vedere a quelli divertenti, dalle storie incentrare sulla vita dei giovani ai film sui professori. E ancora, dalle pellicole internazionali a quelle internazionali.

Che ne dici, siamo riusciti a suscitare la tua curiosità? Allora, se vuoi saperne di più e scoprire quali film abbiamo scelto, continua a leggere questo articolo.

Film sull’educazione e l’istruzione: i più belli di sempre

Nei paragrafi che seguono, ci lanceremo dunque alla scoperta dei più bei film sull’istruzione, attraverso le recensioni di dieci pellicole da non perdere. Vedrai che alla fine dovrai solo scegliere quale vedere per prima, preparare i pop corn, metterti comodo e premere play. A questo punto ti auguriamo una buona lettura e, speriamo presto, buona visione.

Film sulla scuola italiani

Iniziamo la nostra rassegna sui film sull’istruzione con le opere cinematografiche made in Italy.

Per questa categoria abbiamo scelto tre pellicole davvero interessanti:

  1. Io speriamo che me la cavo
  2. Don Milani – Il priore di Barbiana
  3. Caterina va in città

Il primo è un film del 1992, tratto dall’omonimo libro di Marcello D’Orta e diretto da Lina Wertmüller. È interpretato dal mitico Paolo Villaggio, forse noto più al pubblico per il personaggio comico di Fantozzi, ma che in questa famosa commedia drammatica ha fornito una delle sue migliori interpretazioni in carriera. Un film sulle regole, ma anche sull’empatia, il rispetto, l’amicizia e la speranza. In quanto Il maestro Marco Tullio Sperelli, interpretato da Villaggio, è stato trasferito per errore alla scuola di Corzano, comune dell’hinterland napoletano, un contesto di forte disagio sociale e privo di disciplina.

La storia di Don Milani, invece, fa da sfondo all’Italia del dopoguerra e della ricostruzione. Un Paese segnato dalle differenze sociali e dal distacco tra Chiesa e società. L’uomo di fede, interpretato da Sergio Castellitto, è malato di un male che gli lascia poco tempo per vivere. In questo contesto torna nella sua parrocchia di Barbiana e ripercorre con la memoria le tappe che hanno segnato il suo percorso di vita: dalla creazione della scuola a San Donato di Calenzano all’esperienza didattica con i figli dei contadini a Barbiana, fino alla preparazione della “Lettera ad una professoressa”. Eventi che inquadrano inevitabilmente la storia come film sull’istruzione.

Caterina, invece, è una ragazzina di paese che si trasferisce a Roma con la famiglia. La sua nuova scuola è spaccata a metà: da una parte gli studenti che simpatizzano per la sinistra e dall’altra quelli di destra. La giovane protagonista viene così a contatto per la prima volta con delle ideologie che prima non aveva neanche sentito nominare.

L’attimo fuggente

Lasciamo momentaneamente i confini nazionali per spostare l’attenzione sui film sull’istruzione internazionali.

Uno dei più belli è sicuramente Dead Poets Society (in italiano “L’attimo fuggente“). Si tratta di un film del 1989 diretto da Peter Weir e che vede come protagonista Robin Williams.

La trama è ambientata alla fine degli anni ’50 in una prestigiosa accademia americana e racconta l’amicizia tra il giovane Todd, ragazzo timido, e il gruppo composto da Charlie, Cameron, Neil, Steven, Gerald e Knox. La scuola porta avanti un modello di insegnamento particolarmente rigido, fondato sul formalismo e la competizione sfrenata.

L’arrivo del professore John Keating (Robi Williams) sconvolge però questo stato di cose.

Billy Elliot

film sull'educazioneFilm del 2000 scritto da Lee Hall e diretto da Stephen Daldry, ispirato alla vera storia del ballerino Philip Mosley.

Billy è un ragazzino di 11 anni che, in una Inghilterra segnata dallo sciopero dei minatori del 1984 a causa della chiusura delle miniere perseguita da provvedimenti presi dal primo ministro Margaret Thatcher, scopre che il suo sogno è quello di diventare un ballerino classico. Purtroppo per lui, però, il padre, la sua famiglia e i parenti non vedono di buon occhio questa sua ambizione e lo osteggeranno in ogni modo. Ad incoraggiare il giovane protagonista, invece, sarà un’insegnante.

Un film sull’istruzione e contro i pregiudizi.

Scoprendo Forrester

Film sulla scuola superiore del 2000 diretto da Gus Van Sant, intepretato da Sean Connery e Rob Brown. Protagonista della storia è Jamal Wallace, uno studente del Bronx appassionato di letteratura e basket.

Jamal entra in contatto con lo scrittore William Forrester, già vincitore del Premio Pulitzer, prima di far perdere le sue tracce. Quest’ultimo diventerà il suo mentore. Il docente di letteratura del ragazzo, invece, non crede che un ragazzo del Bronx possa avere le qualità per avere successo nella scrittura e per questo lo spinge a dedicarsi solo allo sport. Chi avrà ragione?

Musical e commedie divertenti

Concludiamo questa raccolta Unicusano di film sull’istruzione con qualche commedia leggera e simpatica.

  1. High School Musical. Commedia musicale romantica incentrata sulla figura di Gabriella Montez, una studentessa che partecipa ad una gara di karaoke insieme al capitano della squadra di basket. Tra gli interpreti principali troviamo artisti del calibro di Zac Efron, Vanessa Hudgens e Ashley Tisdale;
  2. Immaturi. Per la serie film educativi divertenti, ecco un’altra pellicola italiana. Racconta di sei ex compagni di scuola (Giorgio, Lorenzo, Piero, Luisa, Virgilio e Francesca) costretti a rivivere l’incubo dell’esame di maturità a venti anni di distanza per colpa di un errore burocratico. Tra gli interpreti Raoul Bova, Ambra Angiolini, Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Giulia Michelini, Ricky Memphis, Maurizio Mattioli e tanti altri;
  3. Bad teacher. Altri film sulla scuola divertenti. Un’insegnante di scuola media, svogliata e incompetente, si innamora di un nuovo affascinante collega e fa di tutto per conquistarlo, ma l’impresa si rivela più difficile del previsto. Cast d’eccezione composto, tra gli altri, da Cameron Diaz, Justin Timberlake e Jason Segel;
  4. Arrivano i prof. Concludiamo con un film sulla scuola 2018 diretto da Ivan Silvestrini. Si tratta dell’adattamento della pellicola francese del 2013 Les Profs, ispirato a sua volta ad un libro francese. Il Liceo scientifico statale Alessandro Manzoni è a rischio chiusura, essendo la peggiore scuola d’Italia con solo il 12% di alunni promossi e diplomati. L’ultima velleitaria speranza per salvare l’Istituto è quello di reclutare come insegnanti i sette professori peggiori d’Italia, ognuno con un proprio metodo d’insegnamento particolare, per ottenere almeno il 50% di alunni promossi. Un tentativo estremo escogitato dal Preside e dal Provveditore del ministero dell’istruzione. Funzionerà, oppure incasinerà ancora di più la situazione?

La nostra top ten sui film sull’istruzione è davvero completa. Non rimane che metterti comodo e preparare i pop corn.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali