informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come fare meditazione: consigli utili

Commenti disabilitati su Come fare meditazione: consigli utili Studiare a Firenze

Sei alla ricerca di informazioni su come fare meditazione?

Sei hai bisogno di aumentare la tua concentrazione e ridurre lo stress, meditare e seguire una dieta dello studente, sana ed equilibrata, possono rivelarsi un vero e proprio toccasana. Senza disdegnare, magari, anche la lettura di riviste di psicologia specifiche sull’argomento.

In questo articolo troverai diverse tecniche di meditazione per gestire ansia, nervosismo e tutte le sensazioni negative di questo tipo.

Un piccolo manuale di meditazione che può aiutarti a far rilassare il tuo corpo e liberare la mente dalla stanchezza accumulata nel corso della giornata o di un periodo particolarmente duro. Che sia per via di una sessione d’esame difficile, una mole di lavoro eccessiva, o rapporti di tensione con amici, partner o familiari.

Ti interessa saperne di più? Allora andiamo a scoprire tutti i segreti su come fare meditazione trascendentale e in tutte le altre forme.

Come si impara a meditare

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a capire come fare meditazione. Ma per imparare, prima ancora di vedere quali sono gli esercizi di meditazione più utili al tuo caso specifico, occorre sapere per filo e per segno di cosa si tratta. Proprio da questo iniziamo il nostro viaggio alla scoperta delle migliori tecniche di meditazione e rilassamento.

Meditare definizione

Bisogna intenderci subito su cosa vogliamo dire quando parliamo di come fare meditazione, dunque di “meditare”. A tal proposito, il vocabolario Treccani fornisce tre specifiche sul significato del termine.

  1. L’azione e l’effetto del meditare; La concentrazione della mente nella speculazione e contemplazione di verità religiose, o di problemi filosofici o morali: attenta, profonda, severa meditazione; verità, parole degne di meditazione; argomento che richiede intensa meditazione; immergersi, sprofondarsi nella meditazione; distrarre dalla meditazione; opera che nasce da meditazione, che è frutto di lunga meditazione, o più semplicemente opera di meditazione;
  2. In particolare, pratica ascetica per cui il credente si raccoglie in sé stesso e, riflettendo sulle verità di fede, rende più intensa la propria vita spirituale (con il fine, nel cristianesimo, di giungere, attraverso il perfezionamento morale, a una più intima unione con Dio, e nelle religioni orientali con quello, soprattutto, di giungere al pieno controllo della propria personalità in relazione con la realtà cosmica): meditazione sulla morte, sui quattro novissimi, su un passo delle Sacre Scritture, sui misteri della vita; spesso usato assol.: fare un’ora di meditazione; raccogliersi nella meditazione; essere, stare in meditazione;
  3. Predica svolta in forma di meditazione ascetica, comune soprattutto negli esercizi spirituali: la meditazione mattutina, serale.

Tutte definizioni simili ma non uguali, si badi. Tutte utili e corrette, ma applicabili a contesti e obiettivi differenti.

Meditazione: come iniziare

meditazione yogaCome dici? Non hai la minima idea di come fare meditazione e hai bisogno di sapere come iniziare? Non preoccuparti, dopo le necessarie premesse fatte fino a questo momento, è giunta l’ora di darti qualche dritta pratica su cosa fare, come e quando, per partire.

Ma ricorda: la cosa migliore da fare è sempre quella di documentarsi per bene e affidarsi ai consigli degli esperti, magari frequentando un corso specifico di yoga. In questo modo assimilerai le migliori tecniche e imparerai anche a gestirti successivamente in maniera autonoma.

Chiarito questo, andiamo ad approfondire le forme di meditazione più utili e conosciute.

Meditazione yoga

Quando si parla di come fare meditazione, non si può non aprire una parentesi sullo yoga meditativo.

Nella terminologia delle religioni indiane, si chiamano così le pratiche meditative ascetiche.

Lo yoga per principianti può essere un ottimo modo per imparare a meditare e avviarsi verso tecniche più complicate: ha un basso impatto, ma aiuta a rilassare tutti i muscoli del corpo.

Ma come si medita attraverso questa pratica? Ecco alcune posizioni yoga per principianti utili durante il rilassamento:

  1. Sukhasana. Una delle posizioni di meditazione più conosciute e iconiche. Consiste nel sedersi gambe e spina dorsale distese, per poi piegare le gambe portando i piedi sotto le ginocchia opposte. Per iniziare, prova a mantenere questa posizione per un minuto;
  2. Balasana. Simile alla posizione fetale, ma con braccia distese verso i piedi. Adatta se soffri di mal di schiena;
  3. Marjariasana. Per eseguirla inizia mettendoti a 4 zampe e a respirare. Quando inspiri devi inarcare la schiena spingendola verso il basso, alzando il busto e mantenendo mento e sguardo verso l’alto. Nel momento in cui espiri, invece, raddrizza la schiena formando una gobba con la spina dorsale;
  4. Adho Mukha Svanasana. Partendo dalla posizione precedente, raddrizza i gomiti e spingi i palmi verso terra. Distribuisci quindi il peso tra mani e piedi. Espira e alza le ginocchia da terra, allungando gli ischi e coccige;
  5. Tadasana. Da eseguire in piedi, a talloni e alluci uniti. Attenzione: l’intera base del piede deve toccare terra. Cerca di spostare il peso in avanti e indietro, alzando ogni volta talloni e punta delle dita, e poi a destra e sinistra. Decidere tu come tenere le braccia, l’importante è mantenere l’equilibrio. Non strafare, inizia praticando questi esercizi di meditazione per 30 secondi.

Cosa ne pensi? Perché non provare?

Tecniche di meditazione per principianti

Ti stai chiedendo in come fare meditazione oltre lo yoga? Devi sapere che esistono tante altre tecniche per meditare. Tra le più importanti ne distinguiamo sei in particolare:

  1. Meditazione di tipo B;
  2. Zen. Ne avrai certamente sentito parlare, quantomeno di musica zen e meditazione. Si tratta di una pratica originaria dei monaci buddisti per allontanare insicurezze e paure. Ma come meditare zen? Seduti e concentrati sul proprio respiro;
  3. Meditazione trascendentale. Anch’essa si pratica da seduti. Con la schiena dritta e con gli occhi chiusi. A proposito di musica per meditare, questa meditazione è guidata da una sorta di cantilena che fornisce l’energia necessaria per raggiungere naturalmente uno stato di calma mentale. Un mantra.
  4. Mindfulness. Anch’essa di ispirazione buddista, si basa sullo sviluppo di una maggiore consapevolezza dei propri pensieri;
  5. Meditazione camminata. Aiuta a portare consapevolezza attraverso un’azione che solitamente viene svolta in maniera meccanica. Camminare, appunto.

Conoscevi tutte queste diverse pratiche di meditazione? Chissà quale ti intriga di più di primo acchitto.

Come meditare a letto

Tra i fattori da tenere in considerazione su come fare meditazione in modo corretto, bisogna fare attenzione alla qualità del sonno. Sì, hai capito bene. Sembrerà banale, ma dormire e farlo bene aiuta a cominciare la giornata nel modo migliore.

La meditazione può aiutare il sonno e dormire può aiutare a meditare meglio. Il nostro corpo, infatti, ha bisogno di un riposo di qualità per essere al massimo delle sue potenzialità. L’ideale sarebbe quello di dormire otto ore a notte.

Un modo che potrebbe aiutarti a rilassarti e prepararti a dormire è quello di fare un bagno caldo prima di andare a letto. Nel frattempo fai un po’ di meditazione per il tuo cervello e scarica la tensione accumulata dal tuo corpo. Perché come i latini ci hanno insegnato: mens sana in corpore sano. Non si sbagliavano di certo.

E con questo si conclude a guida Unicusano su come fare meditazione. Ti senti già più rilassato?

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali