informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Forme di Stato: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Forme di Stato: definizione e caratteristiche Studiare a Firenze

Conosci la differenza tra le varie forme di Stato? E la differenza tra forma di Stato e di Governo?

Che tu sia uno studente di diritto pubblico, un semplice curioso o un appassionato di politica, in questo articolo troverai tutte le risposte che cerchi sull’argomento.

Andremo infatti ad analizzare le varie caratteristiche e l’evoluzione dei diversi modi di intendere e costituire lo Stato, prima e dopo la seconda guerra mondiale, i mutamenti e le scoperte scientifiche del 900.

Aprendo anche una finestra sulle varie forme di governo attuate per organizzare e amministrare lo Stato. Attenzione però: le due cose non sono assolutamente sovrapponibili. Si tratta, infatti, di cose diverse. Ma di questo parleremo dettagliatamente e approfonditamente più avanti.

Se vuoi saperne di più, non perdere assolutamente i prossimi paragrafi.

Concetto di Stato e di governo: ciò che devi sapere

Nelle prossime righe, dunque, troverai una vera e propria guida sulle varie forme di Stato. Dalla loro definizione e alla loro storia, con particolare attenzione a tutte le caratteristiche principali, pratiche ed ideologiche, che le contraddistinguono. Buona lettura.

Elementi costitutivi dello Stato

Prima di andare ad analizzare nello specifico le varie forme di Stato, è doveroso fare un piccolo passo indietro e partire dalle basi.

Occorre cioè innanzitutto intendersi sul concetto di Stato, che l’enciclopedia Treccani riassume così: 

«Ente dotato di potestà territoriale, che esercita tale potestà a titolo originario, in modo stabile ed effettivo e in piena indipendenza da altri enti».

A questo va aggiunto che gli elementi costitutivi dello Stato sono tre:

  1. Territorio
  2. Cittadini
  3. Ordinamento politico e ordinamento giuridico.

Il primo elemento si esprime attraverso un’area geografica ben definita sul quali si diffonde la sovranità, mentre i cittadini sono coloro su cui questa si esercita. Infine gli ordinamenti politici e giuridici costituiscono, invece, l’insieme delle norme giuridiche che regolano la vita dei cittadini all’interno del territorio. E con questo siamo giunti ad una generale definizione dello Stato più esaustiva e articolata.

Per forma di Stato si intende invece il modo in cui lo Stato risulta strutturato nella sua totalità, in particolare il modo in cui si atteggiano i rapporti tra gli elementi costitutivi del medesimo.

Definizione di governo e forma di governo

Parallelamente a quanto fatto per lo Stato, andiamo adesso a delineare una definizione di Governo altrettanto completa.

«Il termine governo (dal verbo latino: gubernare, “reggere il timone”, a sua volta derivato dal greco antico: κυβερνάω) è utilizzato nel linguaggio giuridico e politologico con vari significati. In un senso molto ampio il governo è l’insieme dei soggetti che in uno stato, a livello centrale o a livello locale, detengono il potere politico».

Quella che hai appena letto è la definizione base fornita da Wikipedia. Di conseguenza, per forma di governo si intende:

«Il modello organizzativo che uno Stato assume per esercitare il potere sovrano. Più in generale può intendersi come la modalità con cui viene allocato il potere tra gli organi portanti dello Stato: Parlamento, Governo e Capo di Stato; la forma di governo quindi attiene ai rapporti che si vengono a instaurare fra di essi e alle modalità con cui vengono ripartite e condivise le rispettive competenze».

Per intenderci, le forme di governo classiche sono tre:

  1. Monarchia
  2. Repubblica
  3. Dittatura

Anche se nella storia i tipi di governo che sono state teorizzati o applicati sono state diversi. A partire da Aristotele, che distingueva in: Monarchia (governo di uno), Aristocrazia (governo dei migliori) e Democrazia (governo del popolo).

Il filoso greco, inoltre, individuò anche altrettante possibili degenerazioni di questi tre modelli, ovvero tirannide (potere conquistato e mantenuto da una persona con l’utilizzo della violenza), oligarchia (quando il potere favorisce pochi) e oclocrazia (potere in mano ad una massa ignorante).

Mentre le principali forme di governo moderne riconosciute sono due:

  1. Forma di governo Parlamentare (volontà popolare affidata al parlamento);
  2. Forma di governo Presidenziale (potere esecutivo in mano ad un Presidente).

Una terza significativa variante è rappresentata dal semipresidenzialismo.

Tipi di Stato: ecco le varie forme

Fin qui abbiamo largamente spiegato cosa si intende per Stato, andando anche a vedere le differenze tra forma di stato e forma di governo.

Fatta chiarezza su questo, andiamo adesso a scoprire quali sono le diverse forme di Stato che hanno segnato la storia del mondo e che ne caratterizzano la struttura oggi. Probabilmente sono molte di più di quelle che pensavi: ne abbiamo identificate 13.

  1. Assoluto.  In questo caso i tre poteri che costituiscono la sovranità (legislativo, esecutivo e giudiziario) fanno capo ad una sola persona come un Re o un Monarca;
  2. Di diritto. Riconosce diritti ai cittadini, prevede l’abolizione dello Stato assoluto e della feudalità;
  3. Liberale. Generalmente basato su una Carta Costituzionale e la separazione dei poteri. Le sue funzioni sono limitate a compiti di difesa e ordine pubblico. Si pone come obiettivo la tutela delle libertà e dei diritti inviolabili dei cittadini. L’intervento in economia è volto solo a garantire che i soggetti economici operino secondo la legge;
  4. Monarchico. Di cui abbiamo già accennato;
  5. Autoritario. La sovranità è esercitata da un partito egemone o da un dittatore;
  6. Socialista. Potere in mano ad un unico partito politico ispirato al marxismo-leninismo;
  7. Sociale. Una via di mezzo tra Stato Liberale e Socialista. Accetta l’esistenza della proprietà privata, ma si fonda sulla tutela e la garanzia dei diritti sociali;
  8. Fascista. Contraddistinto da autoritarismo, nazionalismo e corporativismo. Per certi versi si rifà allo Stato Sociale;
  9. Di polizia. Evoluzione del tipico Stato assoluto e monarchico in quanto basato sullo ius politiae;
  10. Laico. Non ammette interferenze confessionali;
  11. Confessionale. Le leggi religiose equivalgono a quelle dello Stato;
  12. Federale. Poteri sovrani ripartiti con un sistema di divisione tra più Stati;
  13. Democratico. Sovranità popolare, pluralismo politico e riconoscimento dei diritti di libertà e di uguaglianza caratterizzano lo Stato democratico.

Forma di Stato italiana

stato democraticoIn sintesi, possiamo affermare che fra tutte queste forme di Stato che abbiamo riassunto, l’attuale sistema italiano fa riferimento soprattutto allo Stato Sociale e a quello Liberale. Si tratta di uno stato democratico di diritto che predispone quindi politiche di Welfare State, fa riferimento ad una Costituzione scritta e prevede la separazione dei poteri.

Riguardo quest’ultimo punto, più precisamente il potere legislativo spetta al Parlamento (Camera dei Deputati e Senato della Repubblica), quello esecutivo è prerogativa del Governo (Ministri, Consiglio dei Ministri e Presidente del Consiglio dei Ministri), mentre il potere giudiziario viene esercitato dalla Magistratura.

Infine, il Presidente della Repubblica rappresenta l’Unità Nazionale in quanto Capo dello Stato.

Per quanto riguarda invece la forma di governo, in Italia vige dunque una Repubblica Parlamentare, così come è facile intuire in base a quanto detto finora, specialmente in quest’ultimo paragrafo.

E con questo giunge al termine la nostra guida sulle forme di Stato e di Governo. Adesso ne sai certamente di più su questo tema, ma se vuoi diventare un vero esperto, ti consigliamo di dare un’occhiata all’elenco dei corsi di laurea e dei master Unicusano dell’area giuridica e politologica.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali