informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Politica monetaria espansiva: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Politica monetaria espansiva: definizione e caratteristiche Studiare a Firenze

Sei un appassionato di economica alla ricerca di maggiori informazioni sulla politica monetaria espansiva?

Allora sei nel posto giusto. Se non riesci ad orientarti tra grande finanza, operazioni di mercato aperto, politica economica, inflazione, saldi monetari reali, pianificazione tributaria internazionale, offerta aggregata, debito pubblico, modello ad-as, non preoccuparti.

In questo articolo, infatti, ti guideremo all’interno dei questo mondo, cercando di mettere ordine fra le principali di queste questioni, molto sensibili per le forme di Stato moderne e le banche centrali. A partire della BCE (European Central Bank) o dallala Federal Reserve di New York.

Vuoi saperne di più? Allora precediamo con ordine e iniziamo subito a scoprire tutto quello che c’è da sapere sulla politica monetaria espansiva.

LEGGI ANCHE – Debito pubblico Italia: definizione e caratteristiche.

Politica monetaria: cos’è e a cosa serve

Come abbiamo detto nell’introduzione di questo articolo, nei prossimi paragrafi andremo a definire cosa intende per politica monetaria espansiva, ma anche per quella restrittiva. Buona lettura.

Definizione di politica monetaria

Per comprendere cosa si intende per politica monetaria espansiva, dobbiamo necessariamente partire dalla definizione generale di politica monetaria. Per farlo, prendiamo in esame quanto riportato da Ester Faia sul Dizionario di Economia e Finanza (2012) della Treccani:

«Insieme di scelte relative all’offerta di moneta e al tasso di interesse. La politica monetaria viene generalmente condotta dalla banca centrale che, oltre a stampare base monetaria, si occupa di fissare il tasso di interesse di riferimento».

La stessa fonte, tra le altre cose, precisa anche che:

«Sia la quantità di moneta sia il tasso di interesse vengono fissati per raggiungere vari obiettivi, in primo luogo per mantenere stabile il tasso di inflazione (e questo di solito si raggiunge lasciando invariata la quantità di moneta)».

Tutto chiaro fin qui? Molto bene, allora fatte tutte le necessarie premesse del caso, entriamo ancor più nello specifico.

Inflazione: definizione

A questo punto, prima di entrare nel merito della distinzione tra politica monetaria espansiva e restrittiva, è quantomeno doveroso dare anche una definizione di inflazione, visto che l’abbiamo chiamata in ballo.

Si tratta, infatti, di un concetto fondamentale, soprattutto trattando di politica monetaria in macroeconomia.

Proprio in macroeconomia, infatti, l’inflazione è l’aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi di beni e servizi in un dato periodo di tempo. Questo fenomeno genera a sua volta una diminuzione del potere d’acquisto della moneta e può avere molteplici cause.

Innanzitutto, infatti, esistono due tipi di inflazione:

  1. Reale;
  2. Monetaria.

Questi possono manifestarsi in forme differenti. Per tanto possiamo distinguere, ad esempio, tra:

  1. Inflazione strisciante. Aumento modesto, inferiore al 10%, ma prolungato dei prezzi
  2. Inflazione galoppante. Aumento rapido e irrefrenabile dei prezzi;
  3. Iper-inflazione. Aumento sostenuto dei prezzi, superiore al 50% al mese;
  4. Agflazione. Derivante dall’aumento dei prezzi delle materie prime o dall’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli.

Adesso non rimane che andare a vedere la differenza che esiste tra politica monetaria espansiva e restrittiva.

Politica monetaria restrittiva ed espansiva: differenze

La politica monetaria restrittiva è quella che utilizza l’aumento dei tassi d’interesse per ridurre l’offerta di moneta. In questo modo rende sconveniente investire e produrre. Questo tipo di politica, di rallentamento della crescita economica, viene utilizzata per ridurre l’inflazione o abbassare il disavanzo pubblico.

Viceversa, la politica monetaria espansiva è caratterizzata da una riduzione dei tassi di interesse, al fine di stimolare l’offerta di moneta delle banche alle imprese e, di conseguenza, gli investimenti e la produzione di beni e servizi.

Dobbiamo però sottolineare un aspetto, ben sintetizzato sempre nel Dizionario di Economia e Finanza Treccani da Giacomo Vaciago:

«In generale, l’efficacia della politica economica dipende dal modo in cui le aspettative dei soggetti interessati sono formate e riviste. Per esempio, in presenza di aspettative razionali è necessario tenere conto dell’ “effetto annuncio”.

E, quindi, una politica monetaria espansiva annunciata e creduta può non avere alcun effetto espansivo sulle variabili reali ma solo sui prezzi, se i soggetti economici anticipano esattamente questo effetto e si comportano di conseguenza.

In questo caso, solo la cosiddetta sorpresa inflazionistica produrrebbe effetti reali, poiché i soggetti economici non potrebbero anticiparla e neutralizzarne gli effetti».

I migliori master in campo economico e finanziario

Se vuoi approfondire tematiche relative alla politica monetaria espansiva e gli altri che abbiamo affrontato in questa guida, devi sapere che esistono alcuni master Unicusano che sono un’eccellenza in questo settore.

In particolare, il più attinente e funzionale potrebbe essere il Master di I Livello in Pianificazione Tributaria Internazionale, un percorso di alta formazione finalizzato a fornire la conoscenza del diritto tributario internazionale, europeo e comparato. Importante, dunque, anche dal punto di vista della politica fiscale espansiva.

Altre possibilità davvero interessanti sono certamente Economia e diritto dei mercati finanziari (I livello) e Banca e Finanza (II livello).

E con questo siamo giunti alla conclusione della nostra guida sulla politica monetaria espansiva. Siamo partiti dalla definizione generale di politica monetaria, passando per quella relativa all’inflazione e alle politiche restrittive e, appunto, espansive. Fino a giungere ai migliori master attinenti in campo economico, giuridico e finanziario. Adesso ne sai certamente di più

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali