informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare chimica all’Università: 5 consigli utili

Commenti disabilitati su Come studiare chimica all’Università: 5 consigli utili Studiare a Firenze

Vuoi studiare chimica all’Università?

Allora ecco una buona notizia per te: in questo articolo conosceremo meglio questa scienza e vedremo alcuni corsi di laurea e master nei quali questa materia viene trattata. La chimica, del resto, è così importante da aver interessato l’uomo, anche per motivi pratici derivanti dalle sue applicazioni tecnologiche, dai tempi antichi fino ad oggi, passando per le scoperte scientifiche del 900 e dell’attuale secolo.

Vuoi saperne di più? Molto bene, allora non perdiamo tempo ed andiamo subito a scoprire dove e come studiare chimica all’Università. Buona lettura.

LEGGI ANCHE – Ingegneria meccanica materie: ecco il piano di studi del corso di laurea.

Come si studia la chimica: trucchi, consigli e corsi di laurea

Nei paragrafi che seguono, vedremo concretamente cos’è la chimica e ti daremo qualche consiglio su come studiarla al meglio. Andando a concludere con alcuni corsi di laurea che possono fare al caso tuo, se sei un’appassionato di questa scienza.

Che cos’è la chimica

Per poter comprendere fino in fondo come studiare chimica all’Università, occorre fare u piccolo passo indietro e partire dalle basi. Ovvero, che cos’è la chimica?

Per intenderci, prendiamo come punto di riferimento la definizione fornita dall’autorevole Enciclopedia Treccani. Sulla quale, alla voce “chimica” si legge:

«Scienza che studia le proprietà, la composizione, l’identificazione, la preparazione e il modo di reagire delle sostanze, sia naturali sia artificiali, del regno inorganico e di quello organico».

La stessa fonte, distingue poi varie tipologie di chimica. In particolare:

  1. Generale. Che studia le leggi generali che regolano i fenomeni chimici;
  2. Inorganica. Riguardante lo studio degli elementi e dei loro composti, ad eccezione della quasi totalità di quelli del carbonio
  3. Organica. Si occupa proprio degli elementi in carbonio;
  4. Analitica. Comprende le varie forme di analisi, qualitativa e quantitativa, comunemente in uso nei laboratoro chimici;
  5. Biologica o biochimica. Studia i fenomeni chimici che si svolgono negli organismi viventi;
  6. Chimica Fisica. Che ha prevalentemente per oggetto lo studio delle forze che tengono uniti gli atomi nelle molecole, nei cristalli, nei metalli, e la struttura delle molecole stesse;
  7. Industriale. Riguardante lo studio e la fabbricazione di prodotti utili all’uomo, mediante le diverse applicazioni della chimica, organica e inorganica;
  8. Macromolecolare. Che si occupa dello studio delle macromolecole;
  9. Nucleare. Studia le reazioni nucleari, cioè le trasformazioni della materia interessanti i nuclei degli atomi;
  10. Chimica Pura. Comprendente l’insieme degli insegnamenti riguardanti i problemi scientifici in sé e i metodi per affrontarli;
  11. Chimica applicata. In contrapposizione alla precedente, studia le applicazioni dirette o indirette della chimica ai vari campi della tecnica.

Tutto chiaro fin qui? Perfetto, allora è giunto il momento di darti i nostri consigli su come studiare chimica all’Università concretamente.

Come si studia chimica: consigli utili

come studiare chimicaFatte tutte le premesse del caso e chiarito cos’è la chimica, entriamo nel vivo del tema riguardante come studiare chimica all’Università e superare gli esami che la riguardano.

Per prima cosa, ricorda che gli esercizi sono la parte più corposa di un test di Chimica, ma anche “l’ultima”. Nel senso che è necessario far propri i concetti teorici che stanno alla base prima di poterli affrontare e risolvere. La cosa migliore da fare è dunque basare il tuo metodo di studio della chimica sulla comprensione di ciò che si cela dietro ad ogni fenomeno relativo a questa scienza, ad ogni formula o esercizio da svolgere. È impensabile cercare di apprendere le soluzioni semplicemente in modo meccanico.

Questo metodo, magari, inizialmente potrà apparirti come un percorso più lungo, ma prendere una scorciatoia all’inizio, potrebbe poi complicarti il futuro. Perché non avendo le conoscenze di base, dovrai ripartire ogni volta da capo. Meglio dunque immagazzinare bene i concetti chiave all’inizio e andare più spediti dopo. Del resto basta guardarsi intorno: c’è così tanta chimica che basta rendersene conto.

Certo, se sei uno studente Unicusano sei avvantaggiato, perché hai la possibilità di vedere e rivedere direttamente online tutte le lezioni, quando vuoi, da dove vuoi, per intero o solo per la parte che più ti interessa o che non hai capito.

Metodo di studio per chimica

Più in generale, per studiare chimica all’Università ti consigliamo di seguire questo metodo:

  1. Leggi il libro, le dispense o il materiale didattico a tua disposizione;
  2. Prendi appunti, prestando attenzione a scrivere bene reazioni e formule
  3. Leggi gli appunti, ma dopo aver letto i libri e confronta le due fonti;
  4. Rileggi e sottolinea i concetti principali;
  5. Prova a ripetere tutto quello che hai letto tra libro e appunti;
  6. Fai uno schema o una mappa concettuale dei concetti chiave;
  7. Ripeti di nuovo tutto, anche tre volte di fila.

Alcuni di questi passaggi potrebbero sembrarti banali, ma spesso si sottovalutano e ci si dimentica di attuarli in maniera corretta.

L’importanza della chimica in ingegneria

Abbiamo capito come studiare chimica all’Università, ma in quali Facoltà? L’offerta formativa Unicusano prevede, nel complesso, diversi percorsi negli ambiti disciplinari caratterizzanti l’ingegneria che vedono come materie di base erogate il coinvolgimento di discipline di Geometria (MAT/03), Analisi Matematica (MAT/05), Informatica (INF/01), Fisica (FIS/03) e appunto Chimica (CHIM/03).

  1. Ingegneria Civile. Offre una solida preparazione di base destinata a fornire gli elementi cognitivi necessari a conoscere e comprendere gli aspetti metodologico-operativi dell’analisi matematica, della fisica, della statistica, della geometria e della chimica;
  2. Ingegneria Agroindustriale. Consentire di interpretare, analizzare e risolvere i problemi tipici dell’ingegneria industriale. Le conoscenze e capacità di comprensione di base sono conseguite attraverso i corsi negli ambiti della matematica, dell’analisi numerica, della fisica generale e della chimica;
  3. Biomedica Industriale. Strutturato in modo tale da permettere di sviluppare le capacità di apprendimento per stadi e in maniera graduale, partendo dallo sviluppo di un ragionamento logico ipotesi-tesi, dall’impostazione e la risoluzione di un problema generico di matematica, informatica, fisica e chimica;
  4. Gestionale Industriale. Dalla chimica fino alla preparazione di relazioni tecniche e di elaborati ingegneristici e alla risoluzione di problemi di carattere tecnico ed organizzativo, direttamente applicabili nell’esercizio dell’attività di ingegnere;
  5. Elettronica Industriale. Richiede la conoscenza degli argomenti di matematica, fisica, chimica normalmente sviluppati nelle scuole medie superiori;
  6. Meccanica Industriale. Prevede il superamento di 20 esami, un tirocinio curriculare e la tesi finale nell’arco di 3 anni accademici. Anche in questo caso il percorso formativo del laureato si articola su un livello di formazione di base in matematica, fisica e chimica.

Per consultare la lista completa di tutti i nostri corsi, ti consigliamo di visitare il portale Unicusano.it.

Conclusioni

E con questo, almeno per il momento, è tutto. La nostra guida su come studiare chimica all’Università adesso è davvero completa ed esaustiva.

Abbiamo analizzato di cosa si occupa questa scienza, ti abbiamo consigliato alcuni metodi di studio per comprenderla e svolgere esercizi ed esami e infine consigliato alcuni corsi di ingegneria che guardano con particolare attenzione alla chimica.

Ora tocca a te: sai come studiare chimica all’Università. Giunti a questo punto, non ci resta che augurarti buono studio.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali